Putin: situazione in Siria richiede discorso diretto tra Russia e Turchia

Pubblicato il 6 marzo 2020 alle 6:23 in Russia Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Ieri a Mosca si è svolto il vertice tra i presidenti di Russia e Turchia. Il tema centrale dell’incontro è stato la situazione nel nord della Siria, dove dall’inizio di febbraio sono in corso combattimenti tra il governo di Damasco e le milizie presenti in alcune zone settentrionali del Paese.

Prima delle trattative, i due leader hanno rilasciato alcune dichiarazioni alla stampa. Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che la prima parte del vertice consisterà in un confronto faccia a faccia con il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan, poi al vertice si uniranno le delegazioni delle parti.

“Abbiamo sempre qualcosa di cui parlare, ma ora la situazione nella nota zona di Idlib si è inasprita talmente tanto che necessita, apparentemente, un nostro incontro diretto”, ha dichiarato Putin.

Da parte sua, il presidente turco ha espresso la certezza che le trattative aiuteranno a risolvere la situazione in Siria.

“Senza dubbio il nostro incontro di oggi correlato alle trattative su Idlib è di grande importanza. Infatti, ad Idlib, oggi la situazione è più tesa che mai. […] Ritengo che le misure che saranno intraprese da oggi e le nostre decisioni sicuramente miglioreranno la situazione”, ha affermato Erdogan.

Le ostilità al nord della Siria sono cresciute ancor di più dopo che lo scorso 27 febbraio i terroristi del gruppo Tahrir al-Sham hanno avviato un’offensiva di vasta scala contro le forze del governo siriano. Secondo quanto riferisce il Ministero della Difesa russo, il fuoco ha colpito anche militari turchi che non si sarebbero dovuti trovare sul luogo. Il bilancio è stato di 36 militari turchi morti ed oltre 30 feriti.

“Vorrei ancora una volta esprimere le mie più sentite condoglianze in relazione alla morte dei soldati turchi in Siria. La morte di una persona costituisce sempre una tragedia. […] Purtroppo, come ho già detto, neanche i militari siriani erano a conoscenza della loro posizione”, ha dichiarato il presidente russo.


Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.