Cile: salgono a tre i casi di coronavirus

Pubblicato il 6 marzo 2020 alle 6:30 in America Latina Cile

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministero della Sanità del Cile ha confermato il terzo caso del nuovo coronavirus nel Paese. “Il nuovo caso positivo è una persona di 56 anni, residente nella regione metropolitana [di Santiago], con una storia di viaggi in Europa, dove ha visitato diversi paesi, incluso il nord Italia” – ha comunicato il ministero, che aggiunge che la persona aveva sintomi associati a una condizione di patologia respiratoria: febbre, tosse, mal di testa, ma che è attualmente “in buona salute generale”. Il paziente rimarrà sotto la supervisione dei medici a casa.

In precedenza, il 4 febbraio, le autorità cilene hanno confermato un altro caso positivo, quello della moglie del primo dei casi confermati, un uomo che è stato ricoverato in un ospedale di Talca, nella regione di Maule, nel centro del Paese. La coppia ha viaggiato nel sud-est asiatico nel mese di febbraio. Il nuovo caso sarebbe dunque il primo legato al focolaio italiano nel Paese sudamericano. Al nord Italia sono invece associati i casi di positività riscontrati nei giorni scorsi in Brasile e Argentina. 

La donna “è in ottime condizioni, verrà valutata; il medico ospedaliero ci fornirà maggiori dettagli sullo stato di salute. Se la paziente è in buona salute, sarà probabilmente dimessa e rimarrà sotto sorveglianza domiciliare” – ha detto il segretario alla Salute della regione di Maule, Marlenne Durán, in una conferenza stampa. I passeggeri che sono arrivati sullo stesso volo della coppia da Madrid al Cile sono stati contattati: le tre persone sedute avanti e le tre sedute dietro saranno sottoposte al tampone.

Due comuni nella regione di Maule hanno determinato la sospensione dell’inaugurazione dell’anno scolastico, prevista per mercoledì 4 marzo nelle scuole municipali.

L’aumento dei contagi suscita preoccupazione fra la popolazione e mette a dura prova il governo, già scosso dai lunghi mesi di protesta sociale per il caro-vita e le diseguaglianze iniziati lo scorso ottobre. Il presidente Sebastián Piñera ha cercato di tranquillizzare la popolazione, dichiarando che le autorità sanitarie del Cile sono “pronte ad affrontare adeguatamente questa epidemia”.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.