Incontro Cina-Mongolia: collaborazione e sostegno contro il coronavirus

Pubblicato il 28 febbraio 2020 alle 15:14 in Cina Mongolia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Xi Jinping ha incontrato il presidente della Mongolia, Khaltmaa Battulga, presso la Sala Grande del Popolo di Pechino. I due capi di Stato hanno discusso della collaborazione contro il coronavirus. 

Il presidente cinese ha affermato che il suo governo e il suo popolo stanno compiendo enormi sforzi, in tutti i campi, per combattere il nuovo focolaio di coronavirus, noto anche come COVID-19. A tale proposito, secondo l’agenzia di stampa cinese Xinhua, il governo mongolo ha offerto un prezioso sostegno a Pechino. Sottolineando che Battulga è stato il primo capo di Stato straniero a visitare la Cina dallo scoppio dell’epidemia, Xi ha affermato che tale visita rappresenta pienamente la grande rilevanza dei legami tra Cina e Mongolia e la profonda amicizia tra i due popoli.

Secondo Xi, l’incontro dimostra chiaramente che i due Paesi, in quanto buoni vicini, possono contare l’uno sull’altro in tempi difficili. Il presidente cinese ha accolto personalmente Battulga, che rimarrà nel Paese un giorno. Il presidente mongolo ha effettuato la visita a seguito della tradizionale vacanza Tsagaan Sar in Mongolia. Durante l’incontro, Xi ha affermato che dallo scoppio di COVID-19, il Partito Comunista Cinese (CPC) e il governo cinese hanno dato assoluta priorità alla lotta contro l’epidemia, attivando un meccanismo di risposta nazionale e adottando le misure più complete, approfondite e rigorose.

Un gruppo speciale del Comitato Centrale del CPC per la prevenzione e il controllo del COVID-19 è stato immediatamente istituito e un team guidato dal governo centrale è stato inviato nella provincia di Hubei, centro dell’epidemia, secondo quanto ha affermato Xi. Dopo un duro lavoro, gli effetti della prevenzione e del controllo stanno crescendo, secondo il presidente cinese, che ha aggiunto che Pechino ha piena fiducia nella propria capacità di vincere questa battaglia contro l’epidemia. Secondo Xi, la Cina ha adottato un approccio mirato in diverse regioni al fine non bloccare la produzione, controllando allo stesso tempo i rischi sanitari.

La Cina continuerà a lavorare con Paesi come la Mongolia per combattere l’epidemia e salvaguardare la sicurezza pubblica e regionale, ha affermato poi il presidente cinese. Sottolineando che la Cina e la Mongolia sono buoni vicini collegati da corsi d’acqua e montagne, Xi ha affermato che Pechino attribuisce grande importanza alle relazioni bilaterali tra i due Paesi. La Cina è quindi impegnata a rafforzare la fiducia politica reciproca e ad aumentare la cooperazione, sopratutto in relazione alla Belt and Road Initiative, a beneficio di entrambi i popoli. 

Da parte sua, Battulga ha sottolineato la sua vicinanza al popolo cinese colpito da questo nuovo virus. Evidenziando che la Mongolia e la Cina sono partner strategici globali, il presidente mongolo ha poi affermato che il suo popolo ha avviato attività di raccolta fondi per sostenere la lotta contro l’epidemia e ha ricevuto risposte attive da tutti i ceti sociali. La Mongolia ha quindi annunciato che invierà 30.000 pecore come nuova donazione contro il coronavirus. Battulga ha poi aggiunto che il popolo cinese vincerà la battaglia contro l’epidemia e supererà le difficoltà sotto la forte leadership del presidente Xi.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.