Nagorno-Karabach: Armenia e Azerbaigian su posizioni distanti

Pubblicato il 17 febbraio 2020 alle 8:35 in Armenia Azerbaigian

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ritiene che per la risoluzione del conflitto del Nagorno-Karabakh sia necessario promuovere nuove idee. Ha rilasciato una tale dichiarazione sabato a margine della Conferenza di sicurezza di Monaco durante una sessione sul conflitto nel Caucaso meridionale.

“Per tutto questo tempo abbiamo ripetuto le stesse tesi. Penso che la comunità internazionale sia anche un po ‘stanca di questo. Quando sono diventato primo ministro dopo la rivoluzione di velluto, ho detto, e ora ripeto, che sono necessarie nuove idee per risolvere il problema” – ha osservato il capo del governo armeno.

Secondo Pashinyan, la comunità internazionale deve dichiarare chiaramente che non esiste alternativa a una soluzione pacifica al conflitto. “L’Armenia non rappresenta la posizione del Nagorno-Karabakh nel processo negoziale, ma so che l’Armenia e il Nagorno-Karabakh sono pronti a fare di tutto per garantire una pace duratura nella nostra regione” – ha affermato il premier armeno, che ha anche aggiunto di sentirsi responsabile per il mantenimento della pace nella regione. “Esorto il presidente Aliyev a fare lo stesso e partecipare alla creazione di sicurezza stabile e pace nella regione” – ha concluso.

Baku sarà in grado di avviare i negoziati con il Nagorno-Karabakh se Erevan smetterà di finanziare la regione ribelle e ritirerà le sue truppe da lì, ha risposto a breve giro di posta il presidente azero Ilham Aliyev, parlando alla conferenza di sicurezza di Monaco.

Secondo Aliyev, le parti in conflitto sono l’Armenia e l’Azerbaigian, e ciò può essere confermato dai copresidenti del Gruppo Minsk dell’OSCE, mentre il Nagorno-Karabakh non è parte del conflitto. “Non parleremo con loro. Stiamo parlando con l’aggressore. Siamo pronti a parlare con il Nagorno-Karabakh se l’Armenia smetterà di finanziare questa formazione illegale,ritirerà tutte le sue truppe dal Nagorno-Karabakh e lascerà completamente il nostro territorio, e poi avremo argomenti per parlare con queste persone. Ma mentre [gli armeni] sono lì, non abbiamo motivo di discutere con loro” – ha detto Aliyev.

Il presidente azero ha affermato che il conflitto nel Nagorno-Karabakh tra Baku e Erevan dovrebbe tener conto del principio conservazione dell’integrità territoriale dell’Azerbaigian, riconosciuta dalla comunità internazionale.

Il Nagorno-Karabakh ha fatto parte dell’Azerbaigian per una lunga parte della storia, ha affermato Aliyev, che ha aggiunto che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato quattro risoluzioni che chiedono il ritiro delle truppe armene dal Nagorno-Karabakh, ma non sono state attuate.

Dopo la sessione della Conferenza di sicurezza di Monaco sul conflitto nel Nagorno-Karabakh, il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha illustrato, la sera di domenica 16 febbraio sulla sua pagina Facebook, i principi per risolverlo.

“Il Nagorno-Karabakh ha ottenuto l’indipendenza allo stesso modo dell’Azerbaigian. Il Karabakh è parte del conflitto e il processo negoziale, la risoluzione dei conflitti è impossibile senza di esso. Non c’è territorio, c’è sicurezza: il Karabakh non può rinunciare alla sua sicurezza. È impossibile ottenere una soluzione al conflitto in una o due azioni: durante il processo di negoziazione, abbiamo bisogno di “micro-rivoluzione”, “mini-rivoluzione”, e quindi di una svolta” – ha scritto Pashinyan.

Secondo il capo del governo armeno, qualsiasi soluzione al conflitto dovrebbe essere accettabile per i popoli dell’Armenia, del Karabakh e dell’Azerbaigian, e l’Armenia e il Karabakh dovrebbero fare di tutto per trovare tale opzione per risolvere il problema. “La questione del Nagorno-Karabakh non ha una soluzione militare. Se qualcuno afferma che la questione può essere risolta con mezzi militari, il popolo del Karabakh dirà che la questione è stata risolta molto tempo fa” – ha sottolineato Pashinyan.

Al termine di un conflitto durato oltre tre anni, nel 1994 l’Armenia ha conquistato il Nagorno-Karabach, regione autonoma dell’Azerbaigian a maggioranza armena, e sette distretti limitrofi, popolati invece solo da azeri. Da allora vige un precario cessate il fuoco. Baku chiede indietro i territori occupati (circa un quinto dell’intero Azerbaigian), mentre la regione si è proclamata indipendente con il nome di Repubblica di Artzakh. Erevan, che a livello internazionale non riconosce l’Artzakh, preme tuttavia affinché venga coinvolto nei negoziati, proposta cui Baku si oppone fermamente, ritenendo che le autorità di Stepanakert siano risultato dell’occupazione militare armena.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.