L’India valuta un acquisto di elicotteri militari dagli USA

Pubblicato il 10 febbraio 2020 alle 19:06 in India USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’India sta valutando un accordo da 2,6 miliardi di dollari per acquistare elicotteri militari dalla società statunitense Lockheed Martin, a seguito di una proposta del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. 

Il governo del primo ministro indiano, Narendra Modi, sta cercando di rafforzare i legami strategici tra Nuova Delhi e Washington. Inoltre, tale acquisto ha anche la funzione di ridurre il divario in campo bellico tra India e Cina. Il Comitato sulla Sicurezza del governo di Modi sta quindi valutando di comprare 24 elicotteri Seahawk MH-60R, da affiancare alla marina indiana, secondo quanto riferito in esclusiva dall’agenzia di stampa Reuters, il 10 febbraio. La decisione sarà finalizzata nelle prossime 2 settimane, secondo quanto hanno affermato un funzionario della Difesa e una fonte industriale informata sulla questione. 

Per evitare le lunghe trattative tra Lockheed e il governo indiano, l’accordo sarà negoziato direttamente dai due governi. Trump è atteso in India intorno al 24 febbraio, per la sua prima visita ufficiale nel Paese. Tuttavia, non è ancora stato fatto alcun annuncio formale a tale riguardo. I due Paesi stanno cercando di appianare le proprie divergenze a seguito di una serie di attriti sul piano commerciale, che avevano visto l’imposizione di una serie di tariffe sulle importazioni reciproche. Trump, in tale occasione, aveva definito l’India il “re tariffario del mondo”. I funzionari commerciali hanno quindi suggerito la possibilità di acquisti su larga scala di armi statunitensi come prova della volontà dell’India di stringere legami strategici con gli USA. Gli elicotteri statunitensi che l’India potrebbe acquistare saranno equipaggiati con missili Hellfire e hanno lo scopo di supportare la Marina e, nello specifico, i sottomarini presenti nell’Oceano Indiano, dove la Cina sta espandendo la sua presenza. Molte delle navi da guerra dell’India sono prive di elicotteri a causa di un forte taglio alle spese militari negli ultimi anni. Tuttavia, il governo di Modi ha previsto un aumento, seppur modesto, delle sue spese per la Difesa nel 2020 e 2021, portando il budget a 73,65 miliardi di dollari. “Prevediamo presto un annuncio positivo sugli elicotteri”, ha dichiarato un funzionario informato sui fatti, parlando a condizione di anonimato. “Ci sono risorse limitate, ma c’è un’allocazione”, ha aggiunto. 

Tuttavia, è importante sottolineare che l’India ha già effettuato un grosso acquisto bellico dalla Russia. Il 5 febbraio, è stata diffusa la notizia che Mosca inizierà a consegnare sistemi missilistici terra-aria S-400 in India, entro la fine del 2021. Nuova Delhi ha effettuato il primo pagamento per il sistema di difesa aerea, il 20 novembre 2019. Il capo della Società Statale Russa per l’assistenza, lo sviluppo, la produzione e l’esportazione di prodotti industriali ad alta tecnologia Rostec, Sergey Chemezov, aveva quindi confermato l’avvio della produzione. “Il contratto sarà portato a termine entro il 2025 ”, aveva poi aggiunto in un’intervista a margine del Dubai Air Show, che si è svolto dal 17 al 21 novembre 2019. Secondo agenzia di stampa Reuters, l’anticipo ammontava a 800 milioni di dollari, ma non sono stati rivelati dettagli sul meccanismo di pagamento specifico. Tuttavia, l’India ha probabilmente ha pagato in euro a una banca nominata dalla Russia, per evitare la minaccia delle sanzioni statunitensi, ai sensi della legislazione nota come Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA). Il CAATSA impone sanzioni ai Paesi impegnati in “transazioni significative”, definite come accordi superiori a 15 milioni di dollari, con l’industria della difesa statale russa. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.