Crisi venezuelana: Washington contro Madrid

Pubblicato il 30 gennaio 2020 alle 6:30 in Spagna USA e Canada Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il segretario di Stato aggiunto per le Americhe degli Stati Uniti, Jon Piechowski , ha definito “deludente e scoraggiante” l’incontro tra il Ministro spagnolo dei trasporti, della mobilità e dell’agenda urbana, José Luis Ábalos, uomo di fiducia del premier Pedro Sánchez con la numero due del governo di Nicolás Maduro, Delcy Rodríguez , all’aeroporto di Madrid-Barajas. Piechowski ha anche spiegato che “gli Stati Uniti hanno delle domande” da porre al governo spagnolo sull’incontro.

In una videoconferenza con i giornalisti, l’alto funzionario del governo di Washington non ha voluto entrare nella questione se gli Stati Uniti presenteranno una protesta formale contro la Spagna o addirittura intendano intraprendere azioni in risposta all’incontro, dal momento che, secondo quanto affermato da Piechowski: “Non parlerò delle nostre conversazioni diplomatiche, che sono private”. Piechowski ha anche sottolineato che Rodríguez è oggetto di sanzioni “non solo da parte degli Stati Uniti, ma anche della stessa Unione europea”. 

In totale, la UE ha sanzionato 25 alti funzionari ed esponenti del governo venezuelano, cui sono state congelate le risorse finanziarie e cui è vietato entrare nell’Unione. Pertanto, l’arrivo di Rodríguez in aereo in Spagna è una chiara violazione del regime di sanzioni comunitarie. Madrid afferma che la vicepresidente venezuelana non è mai entrata in territorio spagnolo, non essendo mai scesa dall’aereo, rimanendo quindi nell’area extraterritoriale dell’aeroscalo madrileno.

Il fatto che Rodríguez sia oggetto di sanzioni da parte di Bruxelles pone l’azione di Ábalos in una posizione particolarmente complessa, dato che, con la sua riunione, Madrid ha rotto non solo con gli Stati Uniti, ma anche con i partner dell’UE. Il ministro ha spiegato al quotidiano El País che l’incontro con Rodríguez è stato casuale, poiché era andato a Barajas per incontrare il ministro del turismo venezuelano, Felix Plasencia, non oggetto di sanzioni UE, e sull’aereo ha trovato la vicepresidente Rodríguez. L’aereo di Plasencia era a Barajas per uno scalo tecnico durante  un volo diretto in Turchia, uno dei principali sostenitori internazionali di Nicolás Maduro.

L’incontro tra Ábalos e Rodríguez, coincidendo con la negativa del presidente Pedro Sánchez a ricevere il leader dell’opposizione venezuelana Juan Guaidó, che la Spagna riconosce come presidente ad interim del paese latinoamericano, è stato interpretato a Washington, Bruxelles e Caracas come un cambiamento di posizione della diplomazia spagnola nei confronti del Venezuela. 

Sánchez nega che Madrid abbia cambiato posizione e sostiene che non ricevendo Guaidó, contrariamente a quanto fatto da Boris Johnson, Emmanuel Macron e Angela Merkel, metta la Spagna in migliori condizioni per cercare un’uscita negoziata alla crisi venezuelana. 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.