Mosca scettica sul piano di pace in Medio Oriente di Trump

Pubblicato il 29 gennaio 2020 alle 12:39 in Medio Oriente Russia USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

In occasione della conferenza stampa a margine del vertice tra Sergej Lavrov e il ministro degli esteri del Sudan del Sud Avut Deng Akuil, il capo della diplomazia russa ha toccato uno degli argomenti più discussi dell’attualità: il piano per un accordo israelo-palestinese presentato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Commentando l’iniziativa americana, Lavrov ha osservato che è necessario attendere la pubblicazione ufficiale del testo e quindi scoprire l’atteggiamento di Israele e Palestina nei suoi confronti, dal momento che sono le due parti in causa che devono prendere posizione rispetto alla proposta che l’inquilino della Casa Bianca ha definito “l’accordo del secolo”, prima che lo facciano altri attori internazionali, Russia inclusa.

Lavrov ha tuttavia sottolineato che Washington non ha informato la parte russa di alcun dettaglio dell’accordo, aggiungendo che finora ci sono solo voci sul piano e “non vale la pena trarre conclusioni preliminari”, sebbene il ministro degli Esteri russo si sia detto “poco convinto che si tratti realmente dell’accordo del secolo”.

Secondo Sergej Lavrov è necessario attendere la reazione di altri paesi arabi, della Lega araba, dei paesi che hanno appoggiato la Arab Peace Initiative lanciata dall’Arabia Saudita nel 2002 e riproposta nel 2017, che è “approvata dalla comunità internazionale come parte integrante della risoluzione del problema”. Il ministro degli Esteri russo ha espresso la speranza che un quartetto di mediatori internazionali composto da Russia, Stati Uniti, Nazioni Unite, Unione Europea possa studiare a fondo la questione, anche la proposta di Trump.

Il Ministero degli Esteri russo informa che il 28 gennaio, il Rappresentante speciale del Presidente della Federazione Russa per il Medio Oriente e l’Africa e Vice Ministro degli Affari Esteri della Federazione russa, Michail Bogdanov, ha ricevuto il nuovo Ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca, John J. Sullivan. Durante la conversazione, ha avuto luogo una discussione approfondita sulla situazione in Libia e in Medio Oriente e sulle prospettive di cooperazione russo-americana nell’interesse di superare le situazioni di crisi in Medio Oriente e Nord Africa.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.