Ucraina: si dimette il premier Gončaruk

Pubblicato il 17 gennaio 2020 alle 12:04 in Europa Ucraina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il capo del governo ucraino, Oleskij Gončaruk, si è dimesso a causa di una intercettazione telefonica resa pubblica dai media in cui il capo del governo esprime giudizi poco lusinghieri sul capo dello stato, Volodymyr Zelenskij, definito “uno stupido”. 

“Per evitare dubbi sul rispetto e sulla fiducia che nutro nei confronti del presidente, ho scritto una lettera di dimissioni e la ho consegnata al presidente, che deciderà il da farsi” – ha scritto il primo ministro sulla sua pagina ufficiale di Facebook il 17 gennaio. Gončaruk ha sottolineato che di recente il pubblico ha assistito a “eventi che si svolgono attorno a documenti audio che circolano in rete, montati da frammenti di registrazioni di riunioni del governo”, il cui contenuto crea “artificialmente l’idea che il capo del governo e il suo team non rispettino il capo dello stato”.

“Per molti gruppi di pressione che cercano l’accesso ai flussi finanziari, è utile che le cose appaiano così. Ma questo non è vero” – ha sottolineato il primo ministro, che ha anche definito Zelenskij “un modello di apertura mentale e di decenza”.

L’ufficio del presidente dell’Ucraina ha già dichiarato di aver ricevuto una lettera da Gončaruk. “Il capo dello stato prenderà in considerazione questa dichiarazione. L’ufficio del presidente dell’Ucraina riferirà quanto prima la risoluzione del capo dello stato” – ha affermato in una nota la Presidenza della Repubblica.

In precedenza, due clip audio sono state pubblicate su un canale YouTube creato mercoledì e chiamato “Come ingannare il presidente”. Nei due audio, in cui presumibilmente sono registrati frammenti di una riunione informale, presieduta da Goncharuk il 16 dicembre 2019 prima di una riunione con il presidente Zelenskij. “Storia di come Oleksij Gončaruk, Oksana Markarova, Jakov Smolij,  Ekaterina Rozhkova, e Julija Kovaliv si riuniscono per preparare un incontro con lo ‘stupido presidente’ Zelensky” – recita la descrizione di uno dei due audio, in cui il capo dello stato è definito, per l’appunto, “lo stupido presidente”. Quanto ai partecipanti alla riunione, Markarova è il ministro delle Finanze, Smolij il governatore della Banca nazionale d’Ucraina, Rozhkova la vice di Smolij e Kovaliv il vice-capo di gabinetto del Presidente.

La voce attribuita a Gončaruk chiede agli interlocutori di aiutarlo a spiegare al capo dello Stato perché la grivna, la valuta locale, si sta rafforzando e in che modo ciò può influire sul bilancio statale. Gončaruk avrebbe anche ammesso di essere un neofita in materia economica, ma che il presidente ne se ancora meno, poiché ha “una comprensione molto primitiva dei processi economici”. In un secondo audio si sentono i partecipanti alla riunione spiegare come raggirare il presidente affinché approvi la loro linea politica.

Voci sulle dimissioni del premier erano state smentite nella giornata di giovedì 16 gennaio dal governo di Kiev.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.