Venezuela: Mosca e L’Avana inviano farmaci per affrontare emergenza sanitaria

Pubblicato il 11 gennaio 2020 alle 6:10 in Russia Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha ringraziato il governo russo per l’invio di insulina al paese sudamericano, in modo da poter garantire adeguate cure ai pazienti diabetici ricoverati negli ospedali e nelle strutture sanitarie del Venezuela.

“Abbiamo cure garantite e sicure grazie alla Russia. Dalla Russia sono arrivate l’insulina e tutte la medicine necessarie per i pazienti diabetici del Venezuela, li stiamo trattando e siamo sempre alla ricerca di una soluzione medica per i pazienti” – ha detto il Capo dello Stato venezuelano durante una trasmissione alla TV pubblica del paese cui ha preso parte con il Direttore generale del Servizio sanitario nazionale.

Lo scorso dicembre, 200.000 dosi di insulina, preparate dalla società russa Geropharm, principale produttore mondiale del farmaco, sono arrivate a Caracas come parte dell’alleanza strategica tra Venezuela e Russia, che consentirà la consegna nel paese caraibico di oltre cinque milioni di unità di insulina tra il 2019 e il il 2020. Nel quadro dello stesso accordo il 30 dicembre scorso è arrivata in Venezuela anche una spedizione con 1.500.000 vaccini antinfluenzali, donata dalla Russia e fabbricata in Nicaragua.

Il presidente Maduro ha anche ringraziato Cuba per il supporto nell’area della salute, per le cure offerte dall’Avana ai pazienti venezuelani con il piede diabetico.

“Abbiamo salvato numerosi pazienti con il piede diabetico con una medicina cubana, grazie a Cuba. Saremo sempre grati a Fidel  e a Raúl (Castro), dobbiamo dire grazie a Díaz Canel, ai dottori e alle dottoresse di Cuba” – ha detto Maduro, che ha affermato che il governo di Caracas continuerà a lavorare con gli alleati internazionali per far fronte al deficit di farmaci e medicinali di prima necessità.

Il governo venezuelano ha affermato che nel paese sono arrivate 2.000 tonnellate di forniture mediche e di medicinali e che sta per arrivare “un’importante quantità di medicinali da distribuire negli ospedali e nelle cliniche popolari”. Maduro non ha chiarito se saranno sempre la Russia e Cuba a inviare i farmaci.

Il Venezuela ha accusato gli Stati Uniti del deficit di farmaci e di altri beni di prima necessità che mancano nel paese sudamericano. Secondo Maduro Washington mantiene un blocco economico, che impedisce a Caracas di acquistare medicinali e derrate alimentari all’estero.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.