USA inviano 6 bombardieri strategici nell’Oceano Indiano

Pubblicato il 9 gennaio 2020 alle 8:58 in Iran USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Aeronautica degli Stati Uniti (USAF) sta inviando 6 bombardieri strategici B-52H Stratofortress sull’isola di Diego Garcia, situata nell’Oceano Indiano centrale. I mezzi potrebbero essere utilizzati per operazioni contro l’Iran, se necessario. 

La notizia è stata riferita l’8 gennaio da un funzionario statunitense, che ha preferito rimanere anonimo. Sebbene quest’ultimo abbia specificato che i mezzi potrebbero essere utilizzati contro l’Iran, se dovesse essere necessario, il dispiegamento non indica l’esistenza di operazioni militari in atto. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, tuttavia, non ha confermato ufficialmente l’invio dei bombardieri. 

L’isola Diego Garcia si trova a oltre 4.800 chilometri dal confine meridionale dell’Iran e tale collocazione garantisce alla base aerea degli Stati Uniti sull’isola di rimanere fuori dalla portata dei missili balistici a medio raggio iraniani. L’USAF attualmente gestisce 58 bombardieri strategici a lungo raggio B-52H. Il B-52H è in grado di volare ad alte velocità subsoniche e di raggiungere altitudini che toccano i 15.166,6 metri. Inoltre, può trasportare missili da crociera nucleari e un carico utile convenzionale fino a 31.500 chilogrammi. Al momento, ai sensi del nuovo Trattato di riduzione delle armi strategiche del 2010, lo START, i 41 B-52H sono stati denuclearizzati. La variante denuclearizzata del B-52H porta missili JASSM e JASSM-ER a lungo raggio, che evade i radar da crociera, mentre i bombardieri con capacità nucleare trasportano il missile da crociera a lancio aereo AGM-86 a punta nucleare.

La crisi in Medio Oriente continua a peggiorare ora che gli iraniani hanno effettuato una serie di attacchi missilistici, nelle prime ore dell’8 gennaio, in risposta all’uccisione del generale Qassem Soleimani, avvenuta il 3 gennaio a seguito di un raid statunitense contro l’aeroporto internazionale di Baghdad. Nel pomeriggio dell’8 gennaio, Trump ha annunciato nuove sanzioni economiche contro l’Iran in risposta agli attacchi missilistici dell’8 gennaio e ha assicurato che nessun cittadino statunitense ha perso la vita in tali offensive. Il presidente USA ha concluso le sue osservazioni dell’8 gennaio sulla crisi con Teheran con un messaggio al popolo iraniano: “Per il popolo e i leader dell’Iran, vogliamo che abbiate un futuro e un grande futuro, uno che meritate”, ha affermato Trump. “Uno di prosperità in patria e armonia con le nazioni del mondo. Gli Stati Uniti sono pronti ad abbracciare la pace con tutti coloro che la cercano”, ha aggiunto il presidente degli Stati Uniti. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.