ONU: Guterres esorta parti venezuelane a ridurre le tensioni

Pubblicato il 8 gennaio 2020 alle 6:20 in America Latina Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres è preoccupato per i recenti sviluppi in Venezuela ed esorta tutte le parti coinvolte a ridurre immediatamente le tensioni, ha dichiarato il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric in una nota.

“Il Segretario generale segue con preoccupazione gli eventi legati all’elezione del presidente dell’Assemblea nazionale, che rendono ancora più difficile il dialogo urgentemente necessario”, ha affermato Dujarric.

Il portavoce ha aggiunto che Guterres “invita tutti gli attori a prendere misure immediate per ridurre le tensioni e trovare una soluzione pacifica e sostenibile alla crisi politica nel Paese sudamericano”.

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha dichiarato che l’Assemblea nazionale ha eletto il legislatore filo-governativo Luis Parra come presidente del parlamento per il periodo 2020-21.

Il presidente ha inoltre affermato che i sostenitori di Juan Guaidó, che stava cercando una rielezione, avevano richiesto la chiusura del palazzo del parlamento durante la sessione in cui si sono svolte le elezioni, il che ha impedito al leader dell’opposizione di partecipare.

Gli Stati Uniti e altri paesi hanno ignorato i risultati dell’elezione, definendola un vero e proprio golpe interno al parlamento venezuelano.

La crisi nel Paese caraibico va avanti da gennaio, quando Juan Guaidó è stato eletto presidente dell’Assemblea Nazionale, controllata dall’opposizione. Il 23 gennaio 2019, l’opposizione venezuelana ha tentato un colpo di stato e Guaidó si è autoproclamato presidente ad interim del Paese. Altri tentativi di golpe si sono susseguiti, ma senza successo. Questa azione è stata appoggiata da un totale di 56 paesi, in primis dagli Stati Uniti. Maduro, che rimane il legittimo presidente del Paese, è sostenuto invece da diversi paesi tra cui spiccano Russia, Cuba, Messico, Cina, Turchia, Bielorussia, Indonesia, Iran, Siria e Nicaragua.


Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da 
Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione