Le missioni italiane all’estero

Pubblicato il 7 gennaio 2020 alle 16:17 in Europa Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Italia è impegnata in 35 operazioni militari, di cui 34 internazionali in 25 Paesi. Quali sono i numeri relativi alle principali missioni italiane all’estero. 

Secondo quanto riferisce il Ministero della Difesa, il personale italiano impiegato in operazioni militari ammonta a 12.520 unità, di cui 6.960 sul territorio nazionale e 5.560 in 34 operazioni internazionali. Si specifica, tuttavia, che tali cifre possono variare in alcune circostanze come, per esempio, in caso di rotazione delle unità. Di conseguenza, i dati possono cambiare anche nel breve periodo, ma vengono periodicamente aggiornati sul sito ufficiale del ministero della Difesa. 

Il contingente italiano all’estero più numeroso è quello impegnato in Libano, dove l’Italia partecipa alla missione UNIFIL, acronimo della United Nations Interim Force in Lebanon. Nel Paese è anche presente la Missione Militare Bilaterale Italiana in Libano, nota come MIBIL. Il totale del personale italiano in territorio libanese ammonta, quindi, a 1250 unità. 

La seconda missione con la maggior presenza di soldati italiani è l’Operazione Prima Parthica, che impiega 926 individui dislocati in Iraq e Kuwait. In tale contesto, il contingente è impegnato nell’addestramento delle forze di sicurezza curde ed irachene e in attività di supporto finalizzate alla lotta contro lo Stato Islamico. 

L’Afghanistan è il terzo Paese per presenza di militari italiani, con 894 unità che partecipano alla missione Resolute Support, nota anche come RS. Questa è incentrata sull’addestramento, la consulenza e l’assistenza in favore delle forze armate e delle istituzioni afgane. La RS ha come centro nevralgico la capitale Kabul, ma è presente anche in altre 4 città: Mazar-e Sharif, Herat, Kandahar e Laghman. 

Un contingente particolarmente numeroso è anche quello stanziato in Kosovo, dove l’Italia partecipa alla K-Force, una forza militare internazionale della NATO, responsabile di ristabilire e preservare l’equilibrio nel Paese, che ancora non è riconosciuto da più della metà degli Stati nel mondo. Ben 574 soldati italiani sono presenti oggi in Kosovo. 

La quinta missione per numero di soldati italiani è l’Operazione Mare Sicuro, nella quale sono impiegati 408 individui. Subito dopo, viene la Libia, dove 228 truppe partecipano alla Missione bilaterale di assistenza e supporto in Libia, nota come MIASIT. Questa è finalizzata al sostegno del Governo di Accordo Nazionale libico di Tripoli, guidato da Fayez al-Sarraj.

Infine, nella EUNAVFOR Med, nota anche come Operazione Sofia, l’Italia contribuisce con 181 unità. Ben 166 sono impiegate, invece, nelle Standing Naval Forces della NATO e 130 nella Task Force aerea con base negli Emirati Arabi Uniti. Inoltre, 150 soldati sono stanziati in Lettonia, nell’Operazione EFP, Baltic Guardian. Infine, 123 unità sono impegnate nella European Union Training Mission in Somalia e 100 nella Missione Assistenza e Supporto in Niger. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.