Colombia: FARC denunciano omicidio di ex guerrigliero e chiedono garanzie al governo

Pubblicato il 3 gennaio 2020 alle 6:20 in Colombia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il partito di sinistra colombiano Fuerza Alternativa Revolucionaria del Común (FARC), composto da ex combattenti delle ex forze armate rivoluzionarie guerrigliere della Colombia, ha denunciato la morte di un ex membro del gruppo armato e chiede garanzie al governo.

“Denunciamo l’omicidio del Benjamín Banguera Rosales a Guapi Cauca (sud-ovest del Paese, ndr.), ucciso con due colpi d’arma da fuoco. Chiediamo garanzie al governo!”, ha scritto il partito FARC sul suo profilo Twitter, rivolgendosi al presidente colombiano Iván Duque.

Il 2019 è stato l’anno più violento per gli ex combattenti delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (FARC), con 77 omicidi rispetto ai 65 del 2008 , secondo quanto riferito dalla Missione di Verifica dell’Organizzazione delle Nazioni Unite questa settimana.

La missione ha messo in dubbio la risposta istituzionale, che ritiene sia stata limitata, e nonostante i ripetuti avvertimenti dell’Ufficio del difensore civico, la violenza diffusa nel nord del dipartimento di Cauca non è stata contenuta. Basti pensare che soltanto nel mese di ottobre si sono verificati due massacri in meno di 36 ore.

L’accordo di pace tra l’allora presidente Juan Manuel Santos (2010-2018) e le FARC è stato firmato il 24 novembre 2016.

Le FARC hanno ripetutamente segnalato che il governo di Duque non rispetta appieno l’accordo di pace.


Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da 
Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.