Bolivia e Spagna provano a normalizzare le relazioni diplomatiche

Pubblicato il 2 gennaio 2020 alle 9:06 in Bolivia Spagna

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

In conseguenza della crisi diplomatica tra Bolivia e Spagna che si è aperta a seguito dell’incidente nella residenza dell’ambasciatore messicano a La Paz, il governo di Jeanine Añez ha assicurato che “la Bolivia desidera superare al più presto questa situazione di stallo e mantenere stretti rapporti con il Regno di Spagna, nel quadro del rispetto e dell’amicizia tradizionali che li hanno sempre caratterizzati” . Il ministero degli Esteri  di La Paz ha inoltre annunciato che accrediterà un “alto rappresentante diplomatico” a Madrid.

L’annuncio è arrivato dopo un incontro tra i rappresentanti dell’esecutivo boliviano e una delegazione dell’Unione europea in Bolivia. La delegazione europea ha suggerito, in una dichiarazione pubblicata il 31 dicembre, che il governo di Añez aveva “reagito con eccessiva durezza” espellendo due diplomatici spagnoli dal paese per l’incidente nella residenza dell’ambasciatore messicano a La Paz, avvenuta quattro giorni prima. Madrid aveva reagito espellendo tre diplomatici boliviani in nome della reciprocità.

Nella dichiarazione si afferma che l’espulsione dei diplomatici “è una misura estrema e ostile che deve essere riservata alle situazioni di gravità estrema” e ha espresso il “fermo desiderio che questa situazione venga superata rapidamente”.

All’incontro hanno partecipato il ministro dell’interno boliviano, Arturo Murillo, e diplomatici di Germania, Francia, Danimarca e Unione Europea. “Il ministro Arturo Murillo ha fornito dettagli sulla determinazione a dichiarare personae non gratae i rappresentanti di Spagna e Messico e informazioni complete sulla ferma determinazione del governo” – ha spiegato ore dopo il Ministero degli Esteri boliviano in un messaggio su Twitter.

La risposta conciliante della Bolivia contrasta con le dure dichiarazioni del Ministero degli Affari Esteri e dei membri del partito al potere dopo l’incidente dello scorso 27 dicembre. Quel giorno, l’incaricato spagnolo per gli affari, Cristina Borreguero, e il console a La Paz, Álvaro Fernández, si sono recati con una scorta di agenti speciali giunta appositamente da Madrid alla residenza dell’ambasciatore messicano a La Paz. I diplomatici spagnoli assicurano che si è trattato solo di una visita di cortesia, ma fonti boliviane hanno denunciato un’operazione per far uscire dalla legazione messicana l’ex ministro della Presidenza e l’uomo forte del precedente governo, Juan Ramón Quintana. In totale, nove ex alti funzionari del Movimento per il Socialismo al potere in Bolivia dal 2005 al 2019 sono rifugiati nella residenza messicana. Il ministero degli Esteri spagnolo ha “negato categoricamente” le accuse, sebbene abbia aperto un’indagine ufficiale sull’incidente, che non è ancora stata conclusa.

Durante la visita dei diplomatici spagnoli, residenti del quartiere in cui si trova la residenza dell’ambasciatore messicano, hanno affrontato gli agenti di scorta che stavano aspettando vicino alle macchine. I vicini temevano che le auto diplomatiche servissero a evacuare gli ex collaboratori di Evo Morales, che devono affrontare gravi accuse da parte della magistratura boliviana. Gli agenti spagnoli, che erano membri dello Gruppo di Operazioni Speciali (GEO) della polizia di stato, avevano il viso coperto per evitare di essere fotografati. I residenti hanno caricato alcuni video su ciò che è accaduto, affermando che gli spagnoli erano “incappucciati”, erano armati e, quindi, che un tentativo di esfiltrazione degli alti funzionari del govenro Morales  è stato interrotto. Il governo boliviano ha denunciato nella presenza di agenti del GEO una violazione della sua sovranità nazionale, la violazione da parte della Spagna e del Messico della Convenzione di Vienna che regola diritti e doveri delle legazioni diplomatiche e dei paesi ospitanti, e ha deciso di espellere l’ambasciatrice messicana María Teresa Mercado e i due diplomatici spagnoli.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.