Stati Uniti: 5 persone accoltellate a una festa di Hannukkah

Pubblicato il 29 dicembre 2019 alle 9:22 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un uomo ha attaccato una celebrazione di Hanukkah, nella casa di un rabbino a Nord di New York City, pugnalando e ferendo 5 persone prima di darsi alla fuga. 

La polizia di New York ha riferito che gli accoltellamenti sono avvenute alle 22, ora locale, del 28 dicembre a Monsey, una delle città della Hudson Valley che hanno visto un importante afflusso di ebrei ortodossi negli ultimi anni. L’attacco si è verificato nella settima notte di Hanukkah, un’importante festività ebraica. Il Consiglio degli Affari Pubblici degli ebrei ortodossi nella regione della Hudson Valley ha scritto un post su Twitter per commentare l’accaduto e ha dichiarato che l’assalto è avvenuto nella casa di un rabbino, mentre erano in corso le celebrazioni. Diversi funzionari statali e locali avevano invece descritto il luogo dell’attacco come una sinagoga. Almeno 5 persone sono state portate in ospedale per cure mediche a seguito delle pugnalate. Le foto e i video pubblicati su Twitter hanno mostrato la risposta di emergenza all’assalto, con i paramedici che corrono e spingono le barelle. 

Un sospetto è stato arrestato ad Harlem, ma il motivo dell’attacco non è ancora stato reso noto. I funzionari di polizia hanno annunciato intorno, a mezzanotte, ora locale, che un sospetto era stato catturato, ma non hanno specificato se si trattava di un crimine di odio antisemita. “Il sospetto è fuggito dalla scena, ma si trova in custodia in questo momento”, secondo quanto hanno riferito i funzionari di polizia. Michael B. Specht, supervisore della città di Ramapo, che comprende il quartiere dell’attacco, ha affermato che il sospetto era stato arrestato a New York City nel 32 ° distretto. L’identità dell’uomo non è stata divulgata dalle autorità. Harlem dista circa 30 miglia da Monsey. L’attacco del 28 dicembre è l’ultimo di una serie di violenze contro gli ebrei degli Stati Uniti. Intorno a New York City, la polizia ha ricevuto almeno 6 segnalazioni di possibili attacchi antisemiti, questa settimana e 8 dal 13 dicembre. 

Inoltre, l’11 dicembre, la polizia è stata coinvolta in uno scontro a fuoco con 2 uomini armati nei pressi di un supermercato ebraico a Jersey City, nello Stato del New Jersey. La sparatoria è avvenuta verso le 12, ora locale, a Jersey City, il secondo comune più grande del New Jersey. Gli uomini erano armati di fucili ad alta potenza. Tra i morti ci sono 4 civili, 1 ufficiale di polizia ed entrambi gli assalitori. Il sindaco della città, Steven Fulop, ha dichiarato che la sparatoria si è svolta per circa 4 ore e che gli uomini armati avevano deliberatamente preso di mira il supermercato ebraico, JC Kosher. Il sindaco della città, Bill de Blasio, il 27 dicembre, aveva assicurato che la presenza della polizia sarebbe aumentata nei quartieri di Brooklyn con grandi concentrazioni di cittadini ebrei. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.