Germania: consolato della Grecia occupato dagli anarchici

Pubblicato il 24 dicembre 2019 alle 17:30 in Germania Grecia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un gruppo di ribelli anarchici ha occupato il Consolato della Grecia di Berlino, in Germania, lunedì 23 dicembre, per esprimere solidarietà verso i cittadini ellenici allontanati dalle autorità dagli edifici occupati.

È quanto rivelato dal quotidiano greco, Ekathimerini, il quale ha altresì specificato che il gruppo di anarchici era composto da 15 persone, i quali hanno occupato gli uffici del consolato ed esposto uno striscione nero con il simbolo degli anarchici e la scritta “solidarietà verso le case occupate”.

Il quotidiano ellenico rivela che il gesto di protesta giunge nel clima di tensioni sorto in Grecia in virtù dell’intensificarsi dei blitz delle autorità nei sobborghi di Atene, dove le forze di polizia stanno attualmente implementando un piano di sgombero degli edifici occupati da migranti e anarchici.

In particolare, gli anarchici, rivela The Associated Press, rappresentano da decenni una delle principali fonti di preoccupazione per le autorità elleniche, le quali si trovano a dover fronteggiare i frequenti attacchi realizzati da gruppi di estrema sinistra e anarchici contro i tribunali, gli uffici del governo e i locali commerciali. In linea con ciò, il ministro della protezione dei cittadini, Michalis Chrysochoidis, ha promesso ai suoi elettori di avere intenzione di sgomberare 15 edifici di Atene occupati dagli anarchici entro la fine dell’anno. Una delle ultime operazioni di sgombero è avvenuta martedì 17 dicembre, quando è stata sgomberata una villa abbandonata, occupata dagli anarchici dal 2010.

La Grecia è membro della NATO dal 1952 e dell’Unione Europea dal 1981. Secondo il Global Terrorism Index del 2019, che attribuisce un indice da 0 a 10, dove 0 è il minimo e 10 è il massimo, a 163 Paesi al mondo in base all’impatto del terrorismo sui loro territori, la Grecia ha registrato un indice di 4.167, rientrando tra gli Stati mediamente colpiti dal terrorismo. Tale risultato ha tuttavia rappresentato un miglioramento rispetto all’anno precedente, quando Atene aveva registrato un indice di 4.291. A tale riguardo, il Country Report on Terrorism del 2018 Dipartimento di Stato americano rende noto che il Paese è principalmente colpito da organizzazioni terroristiche interne, le quali si scagliano principalmente contro i funzionari del governo e i creditori europei. Stando a quanto riportato dal World Factbook della CIA, il gruppo maggiormente attivo al 29 agosto 2019 è la “Lotta Rivoluzionaria”, in greco Epanastatikòs Agónasdesignata organizzazione terroristica dall’Unione Europea dal 29 giugno 2007. Lotta Rivoluzionaria è attiva principalmente nella città di Atene, dove negli anni è stata responsabile di attentati di piccola scala ispirati agli obiettivi che l’organizzazione si prefigge, ovvero la distruzione dell’influenza della globalizzazione e del capitalismo nella società greca e il rovesciamento del governo di Atene.

Per quanto concerne il contrasto al terrorismo, ad occuparsi di fronteggiare tale fenomeno è l’Unità Speciale Antiterrorismo, in greco Eidiki Katastaltiki Antitromokratiki Monada (EKAM), la quale è inglobata nel corpo di polizia ellenico. I compiti principali svolti dalla EKAM sono sei. In primo luogo, l’Unità è incaricata di occuparsi del rilascio degli ostaggi di nazionalità greca. Il secondo compito affidato alla EKAM fa invece riferimento all’arresto di criminali altamente pericolosi. In terzo luogo, spettano all’Unità le operazioni di scorta dei personaggi influenti del Paese. La EKAM è inoltre incaricata di neutralizzare le armi di distruzione di massa. Il quinto compito fa invece riferimento alla conduzione di operazioni antiterrorismo e finalizzate al contrasto al crimine organizzato. Infine, l’Unità collabora con i Vigili del Fuoco ellenici per quanto concerne le operazioni di soccorso e di salvataggio in caso di calamità naturali.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Jasmine Ceremigna

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.