Francia pronta ad accogliere 400 richiedenti asilo dalla Grecia

Pubblicato il 14 dicembre 2019 alle 7:15 in Francia Grecia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Francia accetterà circa 400 richiedenti asilo dalla Grecia per aiutare il Paese dell’Egeo ad affrontare la crisi migratoria attualmente in atto. L’annuncio è stato rilasciato dall’ambasciatore francese ad Atene ma dettagli precisi sulla data del trasferimento non sono ancora stati forniti. “Nei prossimi mesi, la Francia accetterà 400 persone che sono arrivate sul suolo della Grecia”, ha riferito l’ambasciatore Patrick Maisonnave all’agenzia di stampa statale greca Athens News Agency, venerdì 13 dicembre.

Il 6 dicembre, ad Atene c’era stato un importante incontro tra il direttore generale dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, Antonio Vitorino, il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis e il ministro degli Affari Esteri, Nikos Dendias. In tale occasione, i tre avevano discusso a lungo delle strategie migliori per affrontare l’attuale crisi migratoria. Secondo il rappresentante dell’IOM, i Paesi dell’Unione europea avrebbero dovuto fare di più per fornire maggiore supporto politico ed economico. Dall’altra parte, per quanto riguarda il governo di Atene, Vitorino aveva accolto con favore le iniziative volte a proteggere e ad assistere i migranti minori non accompagnati e gli sforzi intrapresi per alleviare il sovraffollamento delle isole dell’Egeo. In particolar modo, aveva offerto il costante sostegno dell’IOM attraverso la continua fornitura di servizi umanitari ai migranti e ai rifugiati in difficoltà, l’assistenza nelle procedure di spostamento dalle isole delle persone vulnerabili e nella loro sistemazione. Gli arrivi di migranti irregolari in Grecia sono aumentati drasticamente nella seconda metà del 2019, procurando problemi alle comunità e strutture di accoglienza, soprattutto nelle isole. 

Secondo le stime dell’IOM, dall’1 gennaio al 6 dicembre 2019 i migranti che hanno raggiunto l’Europa sono stati 115.843, di cui 95.026 via mare. Fino al 26 novembre, il numero di morti e dispersi ammonta invece a 1.159, di cui 740 nella rotta del Mediterraneo Centrale, la quale vede la Libia tra i principali porti di partenza, 348 nella rotta occidentale, la quale coinvolge Marocco e Algeria, e 71 nella rotta orientale, il cui principale porto di partenza è la Turchia. 

In particolare, per quanto concerne la Grecia, secondo i dati dell’IOM e delle autorità nazionali di Atene, dall’1 gennaio al 27 novembre 2019, nel Paese sono arrivati via mare 55.571 migranti, ovvero 26.154 in più dello stesso periodo dello scorso anno. Il Paese, tuttavia, sta cercando di rafforzare la sorveglianza delle frontiere marittime e terrestri e di avviare un processo di asilo più rapido.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Chiara Gentili

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.