Gaza: truppe israeliane uccidono ragazzo palestinese

Pubblicato il 30 novembre 2019 alle 14:02 in Israele Palestina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I soldati israeliani hanno sparato a un ragazzo palestinese che manifestava lungo la recinzione di confine nella Striscia di Gaza, uccidendolo, nella giornata  di venerdì 29 novembre, hanno reso noto le autorità palestinesi.

Un sedicenne è stato ucciso e altre quattro persone sono state ferite da armi da fuoco, ha dichiarato il ministero della salute di Gaza. I militari israeliani hanno affermato che i soldati hanno respinto alcuni palestinesi che si erano avvicinati e avevano tentato di sabotare la barriera di sicurezza. Le forze di sicurezza hanno anche affermato che i manifestanti hanno lanciato una serie di dispositivi esplosivi. Gli abitanti di Gaza hanno riferito che alcune dozzine di palestinesi si sono avvicinati alla barriera di confine, un’area in cui l’esercito israeliano, citando problemi di sicurezza, impone una zona “vietata”. Alcuni manifestanti hanno lanciato pietre contro la barriera, hanno detto i residenti.

Un portavoce dell’esercito israeliano ha riportato che i soldati hanno “identificato una serie di tentativi di avvicinamento alla recinzione, nonché una serie di tentativi di sabotarla”. “Le truppe hanno risposto con mezzi antisommossa e  colpi di calibro 0,22”, ha continuato il portavoce. “Si sta esaminando un rapporto sulla morte di un palestinese”.

I soldati israeliani stanno affrontando frequenti proteste palestinesi, che spesso diventano violente, lungo il confine di Gaza. In risposta hanno usato gas lacrimogeni, proiettili di gomma e vere munizioni contro i manifestanti che, secondo i militari, lanciavano pietre o bombe incendiarie contro di loro.

Gli organizzatori delle proteste hanno dichiarato di aver annullato la manifestazione di massa di questa settimana, ma una folla più piccola si è comunque riunita. Egitto, Qatar e Nazioni Unite hanno lavorato per mantenere stabile la situazione alle frontiere.

Funzionari di Gaza affermano che circa 210 palestinesi sono stati uccisi da quando sono iniziate le proteste, con frequenza settimanale, nel marzo 2018. In quell’occasione un soldato israeliano è rimasto ucciso dal fuoco di un cecchino palestinese lungo la frontiera e un altro è stato ucciso durante un raid sotto copertura a Gaza.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.