Bolivia: approvata legge per elezioni senza Morales

Pubblicato il 27 novembre 2019 alle 6:30 in America Latina Bolivia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Assemblea legislativa della Bolivia ha approvato all’unanimità la legge che stabilisce le condizioni per lo svolgimento delle elezioni presidenziali e legislative senza Evo Morales o Álvaro García Linera, rispettivamente ex presidente ed ex vicepresidente, attualmente in Messico. La legge non prevede una data precisa per le elezioni, ma indica che si terranno tra meno di cinque mesi. Per procedere al voto il compito di “pacificazione” del paese dovrebbe concludersi, dove vi sono ancora proteste contro la presidente ad interim Jeanine Áñez, sebbene l’intensità e la quantità dei conflitti stia diminuendo. La legge è stata approvata sia dal partito al potere che dal Movimento per il socialismo (MAS), il partito di Morales che è maggioranza in entrambe le camere. Le formazioni politiche hanno raggiunto l’accordo fuori dal parlamento con la mediazione dei rappresentanti delle organizzazioni internazionali e della Chiesa cattolica.

La norma ratifica il divieto costituzionale per quei candidati che erano già stati rieletti ancora una volta fanno domanda per la stessa posizione, che disabilita Morales e García Linera, un punto molto importante per il governo e i movimenti civici che lo sostengono e che hanno combattuto per il rovesciamento del precedente governo. Durante il mandato di Morales, questo divieto, previsto dalla costituzione e rinnovato per via referendaria quando Morales intendeva abrogarlo, era stato sospeso da una sentenza della Corte costituzionale, che ora viene annullata dalla stessa Corte. La legge stabilisce che le assemblee legislative nazionali e regionali eleggeranno i membri delle commissioni elettorali entro un massimo di 20 giorni dalla preparazione del regolamento delle elezioni, che sarà pronto, secondo le autorità di La Paz, in un paio di giorni. Una volta formate le commissioni, convocheranno le elezioni dopo altri 120 giorni, il che significa che queste avverranno verso maggio del prossimo anno. Durante questo periodo, il registro elettorale sarà rinnovato e corretto e tutte le organizzazioni politiche e i candidati che vorranno partecipare saranno registrati, incluso il MAS.

I leader della rivolta contro Morales, i leader civici Luis Fernando Camacho e Marco Pumari hanno lasciato intendere che stanno pensando di candidarsi alle elezioni come presidente e vicepresidente, rispettivamente. Ha anche anticipato che parteciperà Carlos Mesa, il principale candidato dell’opposizione alle elezioni del 20 ottobre, che la legge appena approvata annulla per frodi e brogli. La denuncia fatta da Mesa, il 21 ottobre, dell’esistenza di una frode elettorale che lo stava danneggiando ha dato il via alla crisi politica che ha rovesciato Morales e continua ancora dopo l’insediamento di Jeanine Áñez. In questo momento, la maggioranza dei membri delle commissioni elettorali sono in galera, accusati di aver manipolato i risultati delle elezioni a favore dell’ex presidente.

L’approvazione della legge elettorale ha mostrato una divisione incipiente nel gruppo parlamentare del MAS. Sebbene tutti i suoi deputati abbiano votato a favore, un gruppo di senatori è andato oltre i margini del loro accordo con la coalizione di centro-destra al potere e ha presentato una bozza di legge contro la persecuzione giudiziaria nei confronti di Morales, dei leader del MAS e dei rappresentanti sindacali legati all’ex presidente. Lo studio di questo progetto è stato sospeso con il voto della maggioranza dei senatori, il che significa che una parte del MAS ha votato contro la norma. In ogni caso, la presidente Áñez aveva anticipato ciò che, se il disegno di legge fosse approvato, avrebbe posto il veto affermando: “Non defrauderemo la lotta pacifica di milioni di boliviani scrivendo una pagina di storia dell’infamia”.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.