Giappone e Corea del Sud si confrontano al ministeriale G20

Pubblicato il 23 novembre 2019 alle 12:06 in Corea del Sud Giappone

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Giappone e la Corea del Sud hanno accettato di  tenere un vertice nel mese di dicembre, ha reso noto il Ministero degli Esteri giapponese, sabato 23 novembre.

Il ministro degli Esteri giapponese, Toshimitsu Motegi, ha incontrato la controparte sudcoreana, Kang Kyung-wha, nel quadro del vertice dei ministri degli Esteri dei Paesi del G20 organizzato nella città di Nagoya, nel Giappone centrale. Il meeting si svolge sulle due giornate di sabato 23 e domenica 24 novembre.

I due ministri hanno reso noto che, durante il futuro summit bilaterale appena annunciato, la discussione verterà sulla delicata tematica dei cittadini sudcoreani messi ai lavori forzati sotto la colonizzazione giapponese prima e durante la Seconda Guerra Mondiale. A partire dal 1938, le autorità giapponesi costrinsero ai lavori forzati circa 750.000 persone, con l’intento di rimpiazzare in fabbriche e miniere giapponesi gli uomini partiti per la guerra.

“Intesserò un sincero scambio di vedute sul tema degli abitanti della penisola coreana ridotti ai lavori forzati, che rappresenta il problema nevralgico, e altre problematiche bilaterali”, ha annunciato Motegi durante una conferenza stampa successiva all’incontro con il suo omologo. La mossa rappresenta il più recente segnale di apertura reciproca tra i due alleati americani.

Il giorno prima, venerdì 22 novembre, Seoul ha accettato di tenere in piedi il General Security of Military Information Agreement (GSOMIA), accordo di condivisione di informazioni di intelligence con Tokyo, suscitando la ricezione fortemente positiva di tale notizia da parte di Washington, che sta tentando di mediare un rilancio dei rapporti tra i due Stati a lei alleati.

Separatamente, ma sempre in chiusura dell’incontro di sabato, Kang Kyung-wha ha incontrato il vice Segretario di Stato americano, John Sullivan, a margine del ministeriale G20. In tale occasione, il ministro degli Esteri sudcoreano ha chiesto agli Stati Uniti di aiutare il suo Paese a risolvere i problemi ancora insoluti con il Giappone, e i due diplomatici hanno deciso di comunicare più da vicino per risolvere anche altre questioni, tra cui la ripartizione dei costi per la Difesa.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.