Mosca: ripresa relazioni dipende da Londra

Pubblicato il 18 novembre 2019 alle 12:26 in Russia UK

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministero degli Esteri russo ha affermato che la ripresa delle piene relazioni bilaterali con il Regno Unito dipende dal governo britannico.

“Tutto è nelle mani degli inglesi. La Russia è sempre stata disposta a collaborare” – ha detto il direttore del secondo dipartimento “Europa” del ministero degli Esteri russo, Sergej Beliaev, interrogato dalla stampa su un possibile approccio tra i due paesi dopo le elezioni anticipate nel Regno Unito, in programma per il 12 dicembre prossimo.

Le relazioni tra Mosca e Londra sono peggiorate da marzo 2018 a seguito del caso Skripal’.

Sergej Skripal’, un ex ufficiale dell’intelligence militare russa reclutato negli anni ’90 dal servizio segreto britannico MI6 e naturalizzato cittadino britannico dopo uno scambio di spie nel 2006, fu trovato incosciente il 4 marzo 2018 assieme alla figlia Julija nella città britannica di Salisbury, a seguito di quello che le autorità britanniche hanno qualificato come un tentativo di avvelenamento con una sostanza neuroparalizzante.

Non appena l’inchiesta è stata aperta, Londra ha accusato Mosca di essere dietro l’avvelenamento, brandendo la sua famosa frase “altamente probabile”. Il Cremlino ha sempre sostenuto che Londra non avesse prove per sostenere tali accuse. 

A seguito dell’avvelenamento il governo britannico, allora guidato da Theresa May ha espulso 23 diplomatici russi. Mosca ha risposto in modo simmetrico. Londra ha respinto la proposta russa di partecipazione di esperti russi alle indagini sul caso.

Beliaev ha affermato che “un’ondata di isteria anti-russa scuote il Regno Unito” negli ultimi anni. “Gli inglesi hanno inventato il concetto di “altamente probabile”: i russi sono colpevoli di tutti i mali, non possiamo provarlo ma chi altro potrebbe essere? Purtroppo è stato così durante il governo dell’ex primo ministro Theresa May e la situazione non è cambiata ora con Boris Johnson” – ha detto l’alto funzionario russo,

Il diplomatico russo ha indicato inoltre che il problema principale per gli inglesi è attualmente la Brexit e non le relazioni con la Russia.

“Le probabilità di un approccio sono legate più alla Brexit che alle elezioni. Oggi gli inglesi non hanno abbastanza forza o possibilità per dedicarsi a un’altra questione. E sembra che gli stessi britannici non conoscano le conseguenze di Brexit e come sarà realizzato” – ha detto Beliaev, che ha sottolineato che Mosca non intende intromettersi nel processo di uscita del Regno Unito dall’Unione Europea.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.