Russia: possibile restituzione delle 3 navi sequestrate all’Ucraina

Pubblicato il 17 novembre 2019 alle 16:00 in Russia Ucraina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Russia ha iniziato a spostare 3 navi della Marina ucraina, domenica 17 novembre, dopo la notizia diffusa da un giornale locale che Mosca restituirà le imbarcazioni all’Ucraina in vista del prossimo vertice di 4 giorni sulla situazione dell’Ucraina orientale.

A renderlo noto è stato un inviato dell’agenzia di stampa Reuters in Crimea, regione che Mosca ha annesso illegalmente al suo territorio strappando all’Ucraina nel 2014. Il reporter ha reso noto che alcuni rimorchiatori stanno spostando le tre imbarcazioni in questione attraverso lo Stretto di Kerč, che connette il mar Nero col mar d’Azov, verso il mar Nero, dove potrebbero metterle in navigazione verso l’Ucraina. Il giornale russo Conversant ha riferito sabato che Mosca aveva deciso di restituire le navi in Ucraina e che sarebbero state rimorchiate nel Mar Nero da rimorchiatori russi e consegnate a tre rimorchiatori ucraini. È probabile che la mossa sia vista come una misura di rafforzamento della fiducia in vista di un vertice programmato sull’Ucraina il prossimo mese. Vari media russi hanno riferito che le navi saranno restituite in Ucraina senza le loro armi e documentazione. 

La Russia ha sequestrato le navi al largo della costa della Crimea a novembre dell’anno scorso dopo aver aperto il fuoco su di loro e ferito diversi marinai. Mosca ha detto che le navi – due piccole navi d’artiglieria corazzata ucraina e un rimorchiatore – sono entrate illegalmente nelle sue acque territoriali. Kiev lo ha negato. La Russia ha restituito i marinai che erano a bordo delle navi all’Ucraina a settembre di quest’anno come parte di un accordo di scambio di prigionieri.

Le relazioni tra Ucraina e Russia sono crollate in seguito all’annessione di Mosca della penisola di Crimea, che ha provocato sanzioni da parte degli stati occidentali. Il presidente ucraino, Volodymyr Zelenskiy, ha vinto con una schiacciante maggioranza elettorale ad aprile promettendo di porre fine allo scottante conflitto.

I leader di Francia, Germania, Russia e Ucraina si incontreranno a Parigi il 9 dicembre nel tentativo di far avanzare gli sforzi per una risoluzione pacifica del conflitto nell’Ucraina orientale, ha detto venerdì 15 novembre la presidenza francese. Oltre 13.000 persone sono rimaste uccise nel conflitto che dura da oltre cinque anni nell’Ucraina orientale tra separatisti filo-russi e forze governative ucraine.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.