Stati Uniti: Paesi del Golfo facciano fronte comune contro l’Iran

Pubblicato il 16 novembre 2019 alle 11:36 in Iran USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Capo di Stato Maggiore delle Forze Aeree americane, David Goldfein, sabato 16 novembre, ha esortato i Paesi del Golfo Arabo a riconciliare le differenze tra loro e coordinare le capacità militari per far fronte comune contro Teheran.

In occasione di una conferenza di Capi di Stato Maggiore a Dubai, Golfein ha affermato: “Quando un missile o un UAV (drone) sarà in rotta dall’Iran allora non sarà il momento di riconciliare le lamentele passate. Quel tempo è adesso. Oggi. Nessun Paese ha tutto ciò di cui ha bisogno per difendersi, ma insieme abbiamo esattamente ciò di cui abbiamo bisogno per la difesa collettiva ”, ha affermato Goldfein. “Abbiamo la possibilità di iniziare proprio ora mentre affrontiamo un avversario comune che sembra impegnato a scatenare contrasti in tutta la regione.” Sottolineando il principio di sicurezza collettiva, Goldfein ha affermato che la migliore possibilità di difendere gli Emirati Arabi Uniti potrebbe essere dal Qatar o dalla vicina Oman . “I vicini a destra e a sinistra che per geometria hanno possibilità di tiro migliore”, ha sostenuto.

Washington crede che la disputa in corso tra i Paesi del Golfo (Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Bahrein) e l’Egitto, Paese non del Golfo, contro il Qatar possa rappresentare una minaccia agli sforzi per contenere l’Iran e ha spinto per un fronte unito. Gli Stati Uniti incolpano l’Iran per una serie di attacchi nel Golfo durante l’estate, incluso il missile del 14 settembre e l’attacco di droni contro l’Arabia Saudita che hanno temporaneamente bloccato metà della produzione di petrolio del regno. Teheran nega il coinvolgimento. Washington ha tentato senza successo di mediare la disputa, in cui le quattro nazioni hanno reciso i legami politici, commerciali e di trasporto con il Qatar dalla metà del 2017 a causa delle accuse a sostegno del terrorismo. Doha nega l’accusa e afferma che l’embargo mira a interferire con la sua sovranità.

Gli Stati Uniti sono alleati di tutti e sei gli Stati del Golfo. Il Qatar ospita la base aerea di Al-Udeid, la più grande struttura militare degli Stati Uniti nella regione, mentre il Bahrain ospita la quinta flotta della Marina.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.