La Turchia rimpatria sospetti militanti dell’ISIS in Germania e Gran Bretagna

Pubblicato il 15 novembre 2019 alle 10:55 in Europa Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Ankara ha dichiarato di aver rimpatriato 8 individui, che erano detenuti in Turchia a causa di legami con l’ISIS, in Germania e Gran Bretagna.

L’11 novembre, le autorità turche hanno iniziato a rimandare i detenuti dello Stato Islamico nei loro Paesi di origine e hanno espulso un cittadino tedesco e uno statunitense, degli oltre 1.200 combattenti dell’organizzazione terroristica sono rinchiusi nelle carceri turche. Il 15 novembre, la Turchia ha poi rimpatriato un gruppo di persone di nazionalità tedesca e inglese, che comprende 2 uomini, 4 donne e 1 bambino. Già l’11 novembre, il Ministero degli Esteri tedesco aveva affermato che Ankara aveva informato Berlino di 10 persone che intendeva rimandare in Germania: 3 uomini, 5 donne e 2 bambini. Il Ministero ha affermato di non sapere questi fossero o meno combattenti dell’ISIS, ma ha confermato la loro cittadinanza tedesca. Una volta in patria, le autorità tedesche non avrebbero provveduto al loro arresto. 

La polizia britannica, da parte sua, ha dichiarato di aver arrestato un uomo di 26 anni all’aeroporto di Heathrow, a Londra, giovedì 14 novembre con l’accusa di aver compiuto reati legati al terrorismo in Siria. Era arrivato dalla Turchia, ma non è stato immediatamente chiaro se fosse il combattente britannico che Ankara aveva dichiarato che avrebbe espulso. Separatamente, la Turchia ha affermato, sempre il 14 novembre, che avrebbe rimandato in patria un cittadino statunitense sospettato di essere un combattente dello Stato Islamico. La polizia greca ha riferito che le autorità turche si erano recate prima al check in di frontiera di Kastanies e avevano chiesto che un cittadino americano di origine araba che li accompagnava fosse fatto entrare in Grecia, poiché era stato arrestato per aver superato il suo soggiorno massimo consentito in Turchia. All’uomo è stato rifiutato l’ingresso ed è tornato in Turchia, ha affermato la polizia greca. Tuttavia, i media statali turchi hanno specificato che l’uomo era rimasto in una zona cuscinetto tra Turchia e Grecia, prima di essere rimandato negli Stati Uniti.

Il ministero degli Interni turco ha poi comunicato che Washington ha accettato di riaccogliere l’uomo e che le autorità turche avevano avviato i procedimenti necessari. Gli Stati Uniti stanno lavorando a stretto contatto con la Turchia e la Grecia per risolvere il caso, ha dichiarato Nathan Sales, consulente antiterrorismo del Dipartimento di Stato USA, che ha sconsigliato di effettuare gesti come richiedere ai Paesi vicini di accettare i detenuti provenienti da un altro Stato. “La nostra opinione è che non è un’opzione pessima, non è un’opzione praticabile, chiedere ad altri Paesi della regione di far entrare combattenti stranieri di un altro Paese e perseguire il processo e la detenzione lì”, ha affermato Sales di fronte ai giornalisti. Ankara ha poi dichiarato che nei prossimi giorni manderà alcuni combattenti in Irlanda, Danimarca e Francia. La Turchia afferma di aver catturato 287 combattenti nel Nord-Est della Siria da quando ha avviato un’operazione transfrontaliera il 9 ottobre contro i combattenti curdi, denominata “Fonte di pace”. 

I campi controllati dai combattenti curdi nella Siria Nord-orientale ospitavano decine di migliaia di famiglie di membri dell’ISIS, tra cui 12.000 stranieri, 4.000 donne e 8.000 bambini. A questi si aggiungono centinaia di militanti dell’ISIS siriani e stranieri, anch’essi detenuti in prigione dopo aver giurato fedeltà allo Stato Islamico. Sei Paesi, tra cui Francia, Germania e Gran Bretagna, luogo di origine di gran parte dei combattenti detenuti nelle carceri curde, stavano valutando l’ipotesi di costituire un tribunale internazionale congiunto per giudicare tali casi, formato da giudici iracheni e provenienti da tutto il mondo. Tuttavia, istituire un tribunale di questo tipo potrebbe richiedere tempo e non incontrare l’approvazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Inoltre, la Turchia ha già autonomamente deciso di avviare i rimpatri. 

All’inizio della propria operazione nel Nord-Est della Siria, il 10 ottobre, Erdogan aveva minacciato l’Europa di aprire le porte verso il continente ai 3.6 milioni di rifugiati stranieri che si trovano in Turchia. La dichiarazione faceva seguito all’opposizione di Paesi europei all’offensiva in Siria, e faceva leva sul mancato impegno dell’Europa nel fornire gli aiuti promessi per la questione dei rifugiati. In base a un accordo firmato nel 2016, l’UE ha promesso ad Ankara 6 miliardi di euro in cambio di misure più severe per impedire ai rifugiati di lasciare la Turchia, ma Erdogan ha dichiarato che finora il suo Paese ha ricevuto solo 3 miliardi di euro.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.