Indonesia: esplosione contro la polizia, si sospetta attentato kamikaze

Pubblicato il 13 novembre 2019 alle 11:10 in Asia Indonesia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un’esplosione ha colpito il quartier generale della polizia a Medan, nella provincia di Sumatra Nord, la mattina del 13 novembre. Si sospetta che si tratti di un attentato kamikaze. 

La detonazione è avvenuta alle 8,35 del mattino, ora locale, nel parcheggio situato di fronte alla divisione narcotici delle forze di sicurezza. Secondo quanto riferito dal quotidiano locale, Jakarta Post, ci sarebbe almeno una vittima, ma la polizia non ha ancora confermato e ha dichiarato di star ancora studiando la scena. Queste sono le informazioni condivise dal portavoce delle forze di sicurezza nazionali, Dedi Prasetyo. “Sì, si sospetta che sia stato un attentato suicida. Si sospetta che l’autore sia morto, ma la squadra sta ancora esaminando la scena del crimine”, ha affermato Dedi in una diretta televisiva. 

La polizia ha aggiunto che il personale della squadra antiterrorismo, Densus 88, della polizia nazionale si sono recati sul luogo dell’esplosione. Il sistema di identificazione automatica delle impronte digitali dell’Indonesia (Inafis) verrà utilizzato sulla scena. Dedi Prasetyo ha affermato che ulteriori informazioni sul presunto attentato suicida saranno successivamente rivelate al pubblico. 

Il 17 ottobre, l’unità anti-terrorismo indonesiana aveva arrestato 40 individui in 8 provincie del Paese, sospettati di fare parte di un’organizzazione terroristica. La squadra scelta è stata impegnata 24 ore su 24 per sradicare sospetti militanti islamici in vista della cerimonia di giuramento presidenziale, prevista per domenica 20 ottobre. All’evento parteciperanno leader asiatici e occidentali. Almeno 40 sospetti sono stati arrestati dalla Densus 88. Tra questi, 4 individui sono stati arrestati giovedì 17 ottobre, secondo quanto ha riferito il portavoce della polizia nazionale. Queste persone indossavano vestiti con le divise arancioni da prigione ed erano strettamente controllati. La polizia non ha rivelato i nomi degli individui, ma ha mostrato gli oggetti sequestrati al gruppo: sostanze chimiche esplosive per la fabbricazione di bombe, coltelli, libri jihadisti, pistole ad aria compressa, fucili con silenziatori e mirini da cecchino. 

Un altro portavoce della polizia, Muhammad Iqbal, aveva dichiarato, il 16 ottobre, che tra i sospetti c’erano 2 poliziotti che si sono radicalizzati e stavano preparando attentati suicidi. Gli arresti arrivano a seguito di un attacco, avvenuto il 10 ottobre, contro il ministro della Sicurezza dell’Indonesia, Wiranto, che attualmente si sta riprendendo dalle ferite riportate. Il presidente dell’Indonesia, Joko Widodo, che domenica 20 ottobre, presterà giuramento durante una cerimonia ufficiale a Jakarta, ha ordinato alle forze governative di dare la caccia alle reti responsabili dell’attacco. Tale evento si è verificato in un momento molto delicato per il Paese. Una serie di mobilitazioni sono scoppiate, a partire dal 19 agosto, a seguito dell’arresto di alcuni studenti di etnia papuana che vivevano a Surabaya e Malang, sull’isola di Giava. 

Gli studenti papuani erano stati accusati di aver gettato la bandiera indonesiana in una fogna. Da parte loro, i giovani hanno negato di aver compiuto tale gesto. Inoltre, alcune agenzie di stampa hanno riferito che i ragazzi sarebbero stati sottoposti ad abusi legati alla loro etnia. Secondo quanto riferito, sono stati chiamati “scimmie” dalle forze dell’ordine, mentre venivano radunati e portati via. Gli studenti sono stati rilasciati dalla polizia domenica 18 agosto. La provincia di Papua si trova nella regione indonesiana della Nuova Guinea Occidentale, insieme alla Papua Occidentale. Sebbene le due province si estendano sull’isola principale dello Stato della Papua Nuova Guinea, l’Indonesia considera il loro territorio come parte dello Stato nazionale.

Il 30 settembre, il ministro per la Sicurezza, Wiranto, aveva accusato il leader separatista, Benny Wenda, che si trova attualmente in asilo politico in Gran Bretagna, di aver guidato le proteste. Wenda era già stato ritenuto responsabile delle rivolte nella regione dal portavoce della polizia nazionale, Dedi Prasetyo, che aveva rilasciato tale dichiarazione il 9 settembre. La situazione, intanto, sta aumentando i livelli di violenza. Negli ultimi importanti scontri tra manifestanti e polizia, avvenuti il 23 settembre, almeno 37 persone sono morte e numerose sono rimaste ferite nelle città di Wamena e Jayapura. A Wamena, numerosi residenti terrorizzati sono state evacuati dopo quello che è stato il peggior giorno di sangue della Papua negli ultimi decenni. Il governo e alcuni attivisti sostengono che 25 dei 33 morti sarebbero, in realtà, emigrati in altre parti del Paese. Durante gli stessi scontri, numerosi edifici pubblici sono stati incendiati e 250 tra auto e motociclette sono state distrutte.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

 

 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.