Gli Emirati accolgono Bolsonaro: firmati accordi di cooperazione

Pubblicato il 28 ottobre 2019 alle 13:04 in Brasile Emirati Arabi Uniti

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, si è recato negli Emirati Arabi Uniti (UAE), a partire dal 26 ottobre scorso, per la sua prima visita ufficiale nel Golfo, nel quadro di un tour che comprende anche Qatar e Arabia Saudita.

In particolare, si prevede che il presidente brasiliano parteciperà alla “Future Investment Initiative”, che si terrà a Riad dal 29 al 31 ottobre. L’incontro tra Bolsonaro ed il principe ereditario emiratino, nonché vicecomandante supremo delle forze armate degli UAE, Mohammed bin Zayed al-Nahyan, ha portato alla firma di diversi accordi di cooperazione e memorandum di intesa, riguardanti anche difesa e commercio. Dal canto suo, il principe di Abu Dhabi ha affermato che Emirati e Brasile stanno provando a mettere in atto progetti volti a rafforzare e diversificare la cooperazione ed i legami di amicizia tra i due Paesi, e rafforzare le aspirazioni comuni.

Le due parti hanno preso in esame gli sviluppi dell’arena regionale e internazionale, nonché lo status quo della regione del Golfo Persico e del Medio Oriente e le questioni di mutuo interesse, su cui si sono scambiati idee e visioni. Gli accordi ed i memorandum firmati includono un partenariato strategico globale tra Brasile ed Emirati, un accordo per la cooperazione e l’assistenza amministrativa in materia doganale tra le autorità per l’unione doganale emiratina e brasiliana, e un accordo riguardante i Ministeri della Difesa di entrambi i Paesi, volto a facilitare lo scambio e la protezione di informazioni.

Per quanto riguarda il settore della difesa, è stata altresì ideata una partnership strategica per lo sviluppo e il commercio di prodotti, oltre alla creazione di un apposito fondo, volto a rafforzare le capacità produttive in tale ambito. Non da ultimo, l’intesa tra Brasilia ed Abu Dhabi ha toccato altresì scienza, tecnologia ed innovazione, con particolare riferimento alla salvaguardia della biodiversità e alla lotta ai cambiamenti climatici ed ambientali. Altri settori di particolare rilevanza per i due Paesi sono stati energia, agricoltura, infrastrutture, trasporti e intelligenza artificiale.

Da parte sua, il principe ereditario di Abu Dhabi ha evidenziato che gli UAE desiderano rafforzare le proprie relazioni con il Brasile a tutti i livelli, in particolare nei settori del commercio, dell’agricoltura e dell’energia. È stato sottolineato che Abu Dhabi rappresenta il terzo maggiore partner commerciale arabo del Brasile e che nel prossimo periodo verranno profusi maggiori sforzi per aumentare il tasso di scambi commerciali tra le due parti.

Inoltre, al-Nahyan ha messo in luce l’importanza rivestita dal Brasile a livello sia economico sia politico, ed il peso che il Paese ha assunto in ambito regionale e internazionale. Pertanto, Brasilia costituisce un partner di importanza strategica per Abu Dhabi, in quanto quest’ultima cerca di ampliare e rafforzare le proprie relazioni con i Paesi dell’America Latina, incrementando i legami di cooperazione in diversi settori.

Da parte sua, il presidente brasiliano ha espresso il proprio orgoglio per le relazioni tra i due Paesi, basate su fiducia, rispetto reciproco e interessi comuni, e ha ribadito l’interesse del Brasile nel consolidare e sviluppare i legami tra le due Parti e la cooperazione bilaterale, soprattutto in ambito economico, commerciale, agricolo, industriale ed in materia di investimenti ed energia rinnovabile. Lo scopo, a detta di Bolsonaro, è realizzare una partnership forte che consenta ai due Paesi di mettere a frutto il proprio potenziale, diversificato, con il fine ultimo di realizzare gli interessi comuni dei popoli. Non da ultimo, il presidente brasiliano ha dichiarato che il prossimo 6 novembre vi sarà una delle maggiori aste relative alle risorse petrolifere offshore e gli UAE sono stati invitati a partecipare.

In tale quadro, l’ambasciatore brasiliano negli UAE, Fernando Luís Lemos Igreja, all’arrivo di Bolsonaro, ha affermato che gli Emirati rappresentano una porta per il Brasile verso la regione araba e l’Asia. Secondo quanto riferito, il suo Paese è stato uno dei primi ad aver riconosciuto gli UAE al momento della fondazione e l’ambasciata brasiliana è stata aperta 41 anni fa. A detta dell’ambasciatore, UAE e Brasile hanno alle spalle più di quattro secoli di relazioni diplomatiche.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Piera Laurenza, interprete di arabo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.