Shoigu: operazione turca in Siria può provocare esodo di foreign fighters

Pubblicato il 22 ottobre 2019 alle 6:20 in Russia Siria Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Dodici prigioni in cui sono reclusi foreign fighters che hanno partecipato alle operazioni dell’ISIS in Siria sono rimaste senza custodia alcuna a causa dell’operazione militare turca in Siria, qualcosa che potrebbe scatenare un’ondata di migrazione di terroristi stranieri verso i loro paesi d’origine – ha avvertito il ministro della Difesa russo Sergej Shoigu prendendo la parola al forum sulla sicurezza di Xiangshan in Cina.

La Turchia ha iniziato il 9 ottobre un’offensiva nel nord della Siria per allontanare le milizie curde dal confine turco e creare una zona sicura nel nord-est del paese arabo per ospitare le migliaia di rifugiati siriani che rimangono nel territorio turco. Il 17 ottobre, la Turchia e gli Stati Uniti hanno concordato di cessare il fuoco di 120 ore affinché i curdi si ritirino a 30 chilometri dal confine turco.

“Le azioni dell’esercito turco hanno causati la mancata protezione di otto campi profughi e di 12 prigioni per terroristi stranieri, il che potrebbe causare un’ondata della cosiddetta migrazione inversa dei terroristi nei loro paesi di origine” .- ha detto Shoigu. In questo contesto, il ministro russo invitato la comunità internazionale a unire le forze per “affrontare le sfide poste dai terroristi, dalla loro ideologia e propaganda”.

“Il Ministero della Difesa russo ha un’enorme esperienza in questo settore, esperienza che siamo disposti a condividere con i nostri partner nella regione Asia-Pacifico” – ha aggiunto Shoigu, che ha anche lanciato un allarme per la crescente presenza del gruppo terroristico ISIS nel sud-est asiatico. “Dopo essere stato sconfitto in Siria ora sta prendendo di mira Indonesia, Malesia, Singapore, Filippine e Thailandia” – ha avvertito il titolare della difesa di Mosca.

Sebbene solo pochi anni fa il terrorismo “non fosse considerato una grave minaccia” per i paesi dell’Asia del Pacifico, “oggi nella regione vi è l’attività di numerosi gruppi estremisti di cui circa 60 sono classificati come terroristi” – ha spiegato.

Il ministro della Difesa russo ha aggiunto inoltre che la Russia è disposta a dialogare con gli Stati Uniti per garantire la stabilità strategica e ha lamentato il fatto che l’attuale livello di relazioni tra le due principali potenze nucleari è “inaccettabilmente basso”.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.