USA-Cina: accordo commerciale entro novembre

Pubblicato il 19 ottobre 2019 alle 9:47 in Cina USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente americano, Donald Trump, ha affermato che l’accordo commerciale con la Cina sarà, a suo avviso, già firmato per quando si terranno in Cile gli incontri della Cooperazione Economica Asia-Pacifico, previsti per il 16 e 17 novembre.

“Penso che sarà firmato piuttosto facilmente, spero entro l’inizio del vertice in Cile, dove presenzieremo sia io sia il presidente Xi”, ha riferito Trump ai giornalisti presenti alla Casa Bianca, commentando che Washington sta lavorando “molto bene” con Pechino.

La Casa Bianca ha annunciato che, nell’ambito della prima fase dell’accordo, la Cina ha accettato di acquistare prodotti farmaceutici americani per un valore annuale fino a 50 miliardi di dollari.

Nella mattina di sabato anche il vicepremier cinese, Liu He, ha commentato l’ipotesi. L’uomo, che rappresenta anche il principale rappresentante dei negoziati con la controparte statunitense, ha affermato, durante una conferenza a Nanchang, capitale della provincia sud-orientale di Jiangxi, che il suo Paese lavorerà con gli States per affrontare le principali aree di interesse di entrambe le nazioni “sulla base di ugualianza e rispetto reciproco”, e che la cessazione della guerra commerciale tra i due colossi sarebbe “positiva” per ambo le parti e, più in generale, per il mondo intero, in quanto “la crescita della cooperazione economica e commerciale nelle relazioni sinoamericane è connessa a pace, stabilità e prosperità”. Inoltre, egli ha aggiunto che Pechino e Washington hanno fatto “sostanziali progressi in molti campi”, gettando le basi per “la firma di un accordo a fasi”.

La cosiddetta prima fase dell’accordo è stata svelata dalla Casa Bianca la settimana precedente, durante una visita del vicepremier cinese volta ad alleviare le tensioni bilaterali. Secondo I funzionari americani, la seconda fase dei negoziati potrebbe vertere su tematiche più controverse e delicate, quali il trasferimento obbligato di alcune tecnologie e altri problemi legati a servizi non finanziari.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.