Ruanda: aggressione vicino a parco nazionale, 14 morti

Pubblicato il 6 ottobre 2019 alle 11:07 in Africa Ruanda

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Aggressori non identificati hanno ucciso 14 persone, nella regione del Ruanda settentrionale, vicino al Volcanoes National Park.

L’aggressione si è verificata nella notte di venerdì 4 ottobre, e la polizia ne ha dato notizia nella giornata di sabato. Il Volcanoes National Park è rinomato a livello turistico per una specie di gorilla, e attira ogni anno numerosi visitatori. Gli individui che hanno perpetrato le violenze erano muniti di armi tradizionali e hanno scagliato l’attacco nel settore Kinigi, nel distretto Musanze, centro turistico in cui i visitatori del parco osservano i gorilla, specie minacciata dal rischio di estinzione. Un portavoce della polizia, John Bosco Kabera, ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma: “Quei criminali hanno ucciso 8 persone, di cui 6 con armi tradizionali, e 2 sono stati uccisi da proiettili. 18 persone sono rimaste ferite e sono state visitate da medici”. Il personale di sicurezza del luogo sta ricercando gli assalitori, ha aggiunto l’uomo. Le forze dell’ordine non hanno chiarito se tra le vittime ci siano turisti, tuttavia gli alberghi della zona sono controllati da soldati costantemente, ed è poco probabile che le strutture alberghiere vengano perciò prese d’assalto.

Non è ancora nota l’identità degli aggressori, né la ragione o la natura del loro attacco, tuttavia il Ruanda è stato teatro di incursioni attuate per mano dei ribelli delle forze FDLR, provenienti da basi operative nella regione orientale della Repubblica Democratica del Congo.

Le Forze Democratiche per la liberazione del Ruanda (FDLR) è un gruppo composto da ex soldati ruandesi e milizie Hutu che sono fuggite dopo aver preso parte al genocidio avvenuto nel Paese nel 1994. Nel corso degli anni, vari gruppi opposti al Ruanda hanno trovato rifugio nelle vaste regioni orientali della Repubblica Democratica del Congo, composte per lo più da giungla, da dove hanno sporadicamente lanciato attacchi al di là del confine.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.