Liberati marinai russi catturati dai pirati al largo della costa del Camerun

Pubblicato il 25 settembre 2019 alle 6:10 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I marinai russi catturati al largo delle coste del Camerun sono stati rilasciati dai pirati e sono stati portati in Germania, secondo quanto riferito da una fonte della compagnia per la quale lavorano i marinai.

Gli uomini sono rientrati in patria nella giornata di lunedì 23 settembre. Lo ha dichiarato il Ministero degli Esteri russo.

È stato confermato che tutti i marinai sono vivi e in salute.

Il 15 agosto, alcuni pirati hanno attaccato la nave mercantile Marmalita appartenente alla compagnia tedesca MarConsult Schiffahrt, battente bandiera di Antigua e Barbuda, in un raid nel porto di Douala.

I pirati hanno rapito otto persone, tra cui tre russi: un assistente anziano di San Pietroburgo, un capitano di Vladivostok e un meccanico anziano di Murmansk. I negoziati sull’ammontare del riscatto per i marinai sono iniziati alla fine di agosto.

Nell’ultimo anno, nel Golfo di Guinea si sono verificati numerosi attacchi armati per mano di pirati a navi mercantili. Un altro incidente risale alla notte del 2 gennaio scorso, quando dei pirati hanno sequestrato sei membri dell’equipaggio della nave container MSC Mandy nel Golfo di Guinea.

Fonti di Rosmorrechflot (L’Agenzia federale russa per il trasporto marittimo e fluviale) affermano che 24 membri dell’equipaggio, compresi dei russi, erano a bordo della MSC Mandy battente bandiera di Panama al momento del sequestro. I marinai vennero rilasciati dopo un mese.


Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da 
Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.