Turchia: pronta per possibile operazione al confine siriano

Pubblicato il 22 settembre 2019 alle 6:00 in Siria Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Turchia è pronta ad operare sui confini meridionali con la Siria, ha affermato il presidente di Ankara, Tayyip Erdogan, dopo aver avvertito che potrebbe intraprendere azioni unilaterali se gli Stati Uniti non stabiliranno una “zona sicura” nella Siria nord-orientale entro il mese di settembre.

“La nostra preparazione lungo i confini è completa”, ha annunciato Erdogan, sabato 21 settembre, davanti ai giornalisti presenti a Istanbul, prima di partire alla volta dell’imminente riunione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Le Syrian Democratic Forces (SDF) guidate dalle Unità di Protezione Popolare curde (YPG) hanno reso noto che arretreranno fino a 14 km in alcune zone. Ankara ha annunciato che Washington ha acconsentito a estendere la “zona sicura” di altri 32 km all’interno della Siria.

Erdogan ha rinnovato lamentele circa il sostegno prestato dagli Stati Uniti ai militanti curdi, aggiungendo che Washington li sta rifornendo di armi. “Non abbiamo intenzione di scontrarci con gli Stati Uniti”, ha annunciato il leader turco, “Turravia, non possiamo permetterci di non considerare il sostegno che gli Stati Uniti stanno fornendo a un’organizzazione terroristica”.

I suoi commenti in merito alle operazioni di frontiera giungono all’indomani di una notizia annunciata da due unità di sicurezza secondo cui alcuni dottori sono stati mobilitati nelle province meridionali turche per prepararsi a una possibile incursione in Siria. Una delle due fonti ha affermato che i medici sono stati assegnati in loco per un lungo periodo, e che l’operazione può essere eseguita “in qualsiasi momento sia ritenuto necessario”.

Erdogan aveva precedentemente dichiarato che la cosiddetta “safe zone” che sarà istituita nel Nord della Siria potrà ospitare 2-3 milioni dei rifugiati siriani che si trovano oggi in Turchia e in Europa.

L’intesa USA-Turchia, secondo fonti turche, deriva dalla preoccupazione di Washington di una grave azione militare unilaterale di Ankara. Da parte sua, la Turchia è preoccupata per la situazione corrente ed ha minacciato di avviare un’operazione transfrontaliera contro le fazioni curde siriane, che considera alleate dei combattenti curdi nel suo territorio. Inoltre, il Paese ha schierato 12 postazioni di osservazione a Idlib e nelle aree circostanti, in attuazione dell’accordo di Sochi, raggiunto un anno e mezzo fa per stabilire una zona smilitarizzata nella provincia, ed impedire una vasta operazione militare siriana. Non da ultimo, lo scorso 13 settembre, il presidente turco Erdogan ha avvertito che qualsiasi attacco delle forze del regime siriano ai posti di osservazione turchi richiederebbe una risposta da parte delle truppe turche, minacciando un confronto diretto tra Ankara e Assad.

Un aumento dei combattimenti nel Nord-Ovest della Siria hanno poi aumentato il rischio che una nuova ondata di migranti si riversi in Turchia, che ospita già circa 3.6 milioni di rifugiati siriani. Sin dalla fine del mese di aprile, la provincia di Idlib e le aree adiacenti, nel Nord-Ovest del Paese, hanno assistito ad un’escalation di bombardamenti da parte di Siria e Russia. Sebbene nei primi tre mesi i combattimenti fossero concentrati soprattutto nell’area rurale di Hama, le forze del regime hanno iniziato, l’8 agosto, ad ampliare il proprio raggio di azione nella periferia meridionale di Idlib. Dopo circa quattro mesi di combattimenti e 950 civili morti, venerdì 30 agosto, l’esercito russo aveva reso noto di aver accettato un cessate il fuoco unilaterale nella regione Nord-occidentale di Idlib, che avrebbe rispettato anche il regime siriano a partire dalla mattina di sabato 31 agosto.

Tuttavia, già a partire dal 10 settembre, tale tregua è stata violata. Uno degli ultimi attacchi risale al 12 settembre, quando aerei da guerra russi hanno lanciato per la seconda volta attacchi missilistici nella zona di Jisr al-Shughur, situata nell’area rurale occidentale di Idlib. Anche il terrorismo continua a sconvolgere l’area. Nella giornata del 15 settembre, oltre ad attacchi delle forze del regime nell’area meridionale di Idlib, un’automobile carica di esplosivo è esplosa nei pressi di un ospedale in un villaggio siriano al confine con la Turchia, al-Rai, uccidendo 10 persone e ferendone altre 15. Secondo fonti della difesa civile siriana, presente a Idlib, vi sono state diverse vittime, tra cui una donna morta a Kansafra e 4 civili, tra cui 2 bambini, uccisi da un proiettile di mortaio a Baluon, nel Sud di Idlib. In particolare, secondo la medesima fonte, sono stati 14 i villaggi e le municipalità colpite nel Sud e nell’Est del governatorato, con 229 razzi e 13 missili altamente esplosivi.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione