Putin: l’industria bellica deve esportare di più

Pubblicato il 20 settembre 2019 alle 8:21 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Tutte le organizzazioni del settore della difesa industriale russa dovrebbero cercare di entrare nel mercato internazionale e quelle che si sono guadagnate spazi nei mercati esteri dovrebbero espandersi. È quanto ha affermato il presidente russo Vladimir Putin, intervenendo al II Forum delle industrie di armi della Federazione russa.

“Tutte le organizzazioni nel settore della difesa industriale devono occupare nuovi spazi, entrare con più coraggio nel mercato nazionale e internazionale” – ha detto Putin.

Il leader del Cremlino si è recato a Iževsk, nella Repubblica di Udmurtia, una delle 23 che formano la Federazione, dove ha presieduto una sessione della commissione statale dell’industria militare che si è tenuta a margine del forum, in corso nella capitale udmurta.

Il presidente russo ha descritto lo sviluppo del settore dell’industria della difesa come un elemento importante per “il progresso dell’economia nazionale”. Inoltre, Putin ha aggiunto che le truppe russe hanno ricevuto nel 2019 oltre 2.300 armi e materiale bellico modernizzati.

“Noto che nel 2018 gli ordini dei settori della difesa dello stato per la fornitura di nuovi tipi di armi e equipaggiamento è stato completato al 98,2% e i risultati preliminari dell’anno in corso confermano che il re-equipaggiamento dell’esercito e della marina viene eseguito come previsto. Pertanto, il volume dei fondi assegnati ha già raggiunto il 94%, superiore allo scorso anno, il che significa che le organizzazioni del settore della difesa sono state in grado di rispondere alle richieste in modo tempestivo. A metà settembre sono state consegnate alle truppe più di duemilatrecento unità di armi e equipaggiamenti nuovi e modernizzati. Questo rappresenta quasi il 50% degli indicatori previsti, mentre il tasso di approvvigionamento di nuovi campioni è aumentato del 6,7%. Questo è un buon indicatore” – ha spiegato Putin.

Il capo dello stato russo ha sottolineato che il compito di aumentare il potenziale di esportazione è applicabile anche alla produzione civile. “Proprio qui, a Iževsk, ad esempio, il gruppo di società Kalashnikov produce attrezzature mediche, navi civili, auto elettriche e motocicli elettrici” – ha chiarito Putin.

La diversificazione competente, ha affermato Putin, aumenterà la stabilità finanziaria delle aziende nel settore della difesa e offrirà l’opportunità di creare nuovi posti di lavoro.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.