La Russia pronta ad aumentare importazioni da Cuba

Pubblicato il 20 settembre 2019 alle 6:30 in Cuba Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Russia intende sfruttare la prima Fiera nazionale di Cuba a Mosca per aumentare le importazioni di prodotti cubani, ha spiegato alla versione latinoamericana del network Sputnik il vicepresidente della Camera di commercio e industria russa, Vladimir Padalko, che ha spiegato che “l’attuale scambio commerciale è di 388 milioni di dollari e per la maggior parte si tratta di esportazioni russa a Cuba”. Il vicepresidente della Camera di commercio ha sottolineato la necessità di “bilanciare questa situazione”.

“Siamo interessati alla produzione cubana, dobbiamo dare agli imprenditori l’opportunità di sapere cosa produce Cuba oggi, la fiera è stata organizzata per questo scopo” – ha detto ancora Padalko, che ha spiegato che “50 società cubane sono arrivate con la produzione che offrono ai cittadini e alle imprese russe per l’importazione”.

L’alto funzionario russo ha espresso la certezza che in fiera “verranno firmati contratti” e ” verrà lanciata anche una produzione comune nell’industria tessile”.

“Verranno firmati contratti per la riorganizzazione e la ricostruzione di due società cubane specializzate nel settore dei carburanti”, ha aggiunto.

Padalko ha anche affermato inoltre che la reciproca simpatia e rispetto tra Russia e Cuba non sono ostacolati dall’enorme distanza tra questi due paesi. “Siamo separati da numerosi chilometri di terra e dall’Oceano Atlantico, ma la lontananza geografica non è un ostacolo alla reciproca simpatia e rispetto che uniscono i nostri popoli” – ha detto in occasione dell’apertura della X Sessione del Comitato commerciale congiunto Cuba-Russia.

Padalko ha riconosciuto che uno dei principali problemi della cooperazione commerciale tra Russia e Cuba è che “non tutti gli uomini d’affari russi conoscono il mercato cubano e le opportunità che offre”. “Siamo abituati ad andare in vacanza a Cuba per godere del sole e dei suoi splendidi paesaggi, senza pensare che Cuba abbia smesso da tempo di produrre solo rum e sigari” – ha detto, sottolineando che “la mancanza di informazioni su Cuba nei circoli degli affari russi influisce sulla cooperazione russo-cubana. È un problema fondamentale e risolverlo è uno dei compiti delle Camere di commercio”.

A sua volta, il presidente della Camera di commercio di Cuba, Orlando Hernández, ha sottolineato il buon momento delle relazioni tra l’isola e la Russia, che si sono rafforzate negli ultimi mesi.

“Vediamo che le relazioni tra Cuba e la Russia sono in una fase di grande attività in un momento in cui vengono intraprese azioni comuni con la Russia, sia a livello governativo che commerciale, di grande portata, di grande profondità” – ha dichiarato Hernández, che ha ricordato che negli ultimi mesi la Russia ha aumentato la sua presenza a Cuba, “in settori importanti come i trasporti, importanti progetti nel campo dell’energia e altri settori meno conosciuti ma altrettanto importanti”.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.