Afghanistan: attentato kamikaze dei talebani contro le forze speciali

Pubblicato il 12 settembre 2019 alle 14:36 in Afghanistan Asia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un attentato kamikaze, rivendicato dai talebani, ha colpito una base delle forze speciali afgane nella periferia della capitale, Kabul, uccidendo almeno 4 soldati, giovedì 12 settembre. 

Altri 3 membri delle forze di sicurezza sono rimasti feriti nell’attacco, che ha avuto luogo nel distretto di Chahar Asyab di Kabul, secondo quanto ha riferto Fawad Aman, vice portavoce del Ministero della Difesa afgano. Da parte sua, il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, ha inviato una e-mail in cui i militanti afghani rivendicavano la responsabilità dell’attentato. L’ultimo assalto arriva a seguito delle dure dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che si è impegnato a colpire i talebani “più duramente di quanto non siano mai stati colpiti prima”.

Il clima è particolarmente teso in Afghanistan, dove gli scontri tra talebani e forze di sicurezza afghane sono aumentati in diverse aree del Nord del Paese, a seguito del fallimento dei colloqui tra gli Stati Uniti e i talebani per il ritiro delle truppe statunitensi. Dall’altra parte, almeno 7 civili sono morti in un attacco aereo condotto dal commando USA e afgano, lunedì 9 settembre, nel distretto di Sayed Abad, nella provincia centrale di Maidan Wardak. I talebani in una dichiarazione hanno condannato l’attacco e hanno sottolineato che 9 civili, che erano in viaggio per recarsi ad una festa di matrimonio, sarebbero rimasti uccisi nell’attacco, effettuato con il supporto di droni armati. Non ci sono state conferme da parte di funzionari statunitensi e della NATO.   

Gli ultimi episodi fanno parte di un’attesa escalation di violenza a seguito della brusca cancellazione dei colloqui di pace tra Afghanistan e Stati Uniti. “I colloqui sono morti. Sono finiti”, ha dichiarato Trump ai giornalisti, lunedì 9 settembre, mentre lasciava la Casa Bianca. I mesi di negoziati statunitensi con i leader dei talebani, che controllano gran parte dell’Afghanistan, si sono conclusi sabato 7 dicembre, quando Trump ha improvvisamente annunciato che avrebbe annullato le riunioni programmate a Camp David tra i militanti islamisti e il presidente afghano, Ashraf Ghani. Annunciando la cancellazione degli incontri, Trump ha citato l’attentato talebano a Kabul del 5 settembre, in cui 12 persone, tra cui un soldato americano, sono state uccise.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Maria Grazia Rutigliano

 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.