Libia: scontri a fuoco a Tripoli, chiude aeroporto

Pubblicato il 2 settembre 2019 alle 6:00 in Africa Libia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’unico aeroporto ancora funzionante della capitale libica, Tripoli, è stato chiuso, domenica 1 settembre, dopo essere stato colpito da fuoco d’artiglieria nel corso della notte.

Il resoconto di quanto avvenuto nella notte tra sabato 31 agosto e domenica 1 settembre nei pressi dell’aeroporto tripolino di Mitiga è contrastante. Un funzionario locale operante per il Governo di Accordo Nazionale (GNA), riconosciuto a livello internazionale e con sede ufficiale a Tripoli, ha reso noto che 4 persone sono rimaste ferite, tra cui 3 pellegrini haj.

La Missione di Supporto delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) ha informato che 4 proiettili hanno colpito aree dell’aeroporto riservate all’uso dei civili, tra cui un’uscita di emergenza, causando danni a un aereo che trasportava decine di pellegrini e ferendo due membri dell’equipaggio di cabina. Con un comunicato, l’UNSMIL ha commentato: “Questi orribili attacchi sono concepiti per incutere terrore, creare caos e impedire le operazioni dell’unico aeroporto funzionante della capitale libica Tripoli”.

Poco lontano da Mitiga, un ospedale ha ricoverato una bambina ferita nell’attacco. Alcune automobili parcheggiate nell’aeroporto sono state danneggiate. Quattro compagnie aeree sono inoltre state costrette a spostare i propri voli nell’aeroporto di Misrata, a circa 200 km di distanza verso est, finché la calma a Tripoli non si sarà ristabilita.

La fonte dell’attacco non è ancora chiara. Mitiga, poco più a est rispetto alla zona centrale di Tripoli, è stata ripetutamente posta sotto attacco negli ultimi mesi, causando interruzioni dei voli per molte ore consecutive. In particolare, l’aeroporto è stato preso di mira dagli assalti dall’Esercito Nazionale Libico (LNA), il quale ha avviato una imponente campagna militare contro la capitale a partire dal 4 aprile scorso, nel tentativo di assumere il controllo della città.

Secondo le stime dell’UNSMIL, quello di domenica è stato il settimo attacco indiscriminato ai danni di Mitiga dalla fine di luglio 2019, ed è stato documentato dall’ONU. I dati raccolti verranno sottomessi alla Corte Penale Internazionale e al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.