Immigrazione, Italia: intercettati 62 migranti pakistani, intanto arriva il dissequestro della Open Arms

Pubblicato il 31 agosto 2019 alle 7:24 in Immigrazione Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Guardia di finanza italiana ha intercettato, venerdì 30 agosto, 62 migranti pakistani, di cui 9 minori, presso le coste dell’isola di Sant’Andrea, a circa 4 chilometri da Gallipoli, in Salento. 

A renderlo noto è ANSA, che ha rivelato che i migranti dopo essere stati intercettati sono stati trasportati da alcune motovedette della Guardia costiera verso il porto di Gallipoli. A bordo delle imbarcazioni della Guardia costiera, i migranti hanno ricevuto il soccorso della Croce Rossa italiana e dei medici di frontiera. Secondo quanto reso noto dalle autorità italiane, esclusi due minori, che hanno necessitato di cure ospedaliere, i migranti tratti in salvo erano in buone condizioni di salute, nonostante avessero sofferto i 14 giorni trascorsi in mare dopo essere salpati dal Nord Africa. In seguito agli accertamenti, i migranti sono stati trasferiti al centro di accoglienza Don Tonino Bello di Otranto, in provincia di Lecce.

Secondo quanto riferito, a seguito delle immediate ricerche in mare, la Guardia costiera ha intercettato a largo della vicina Santa Maria di Leuca una imbarcazione a vela, sospettata di aver trasportato i migranti fino a Sant’Andrea. A bordo del veliero vi erano 2 trafficanti di migranti, prontamente arrestati dalle autorità.  

Nell’arco della stessa giornata, alcune fonti vicine all’imbarcazione Open Arms, sbarcata a Lampedusa lo scorso 22 agosto dopo aver trascorso circa 3 settimane in mare con a bordo circa 100 migranti tratti in salvo, hanno reso noto che il Gip del Tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto, ha disposto il rilascio dell’imbarcazione posta sotto sequestro dal procuratore capo, Luigi PatronaggioSecondo quanto rivelato, Zammuto è entrato in possesso di prove a sufficienza per procedere con le indagini contro ignotsul reato di abuso di ufficio e sequestro di persona. Nonostante la revoca del sequestro, l’imbarcazione Open Arms ha dichiarato di non poter ancora lasciare il porto di Porto Empedocle, in Sicilia, dove si trova in stato di fermo amministrativo per accertamenti e ispezioni della Guardia costiera. 

Secondo le stime dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM), dall’1 gennaio al 28 agosto 2019 i migranti che hanno raggiunto l’Europa sono stati 59.152, di cui 46.471 via mare. Il numero di morti e dispersi ammonta invece a 909. I Paesi europei maggiormente colpiti dal fenomeno migratorio sono la Grecia, la Spagna, Cipro, l’Italia e Malta. In particolare, dall’1 gennaio al 28 agosto 2019, sono giunti 27.514 migranti in Grecia, 18.396 in Spagna, 5.114 a Cipro, 4.847 in Italia e 2.245 a Malta. Paragonando i dati alle cifre totali riguardanti lo stesso periodo del 2018, gli arrivi sono diminuiti del 29%.   

In particolare, per quanto concerne l’Italia, il Dipartimento per la Pubblica Sicurezza del Viminale rende noto che dall’1 gennaio al 30 agosto 2019 sono sbarcati 5.085 migranti che, se paragonati alle cifre dello stesso periodo dell’anno precedente, rappresentano il 74% in meno. Coloro che sbarcano in Italia provengono principalmente dalla Tunisia, dal Pakistan, dalla Costa d’Avorio, dall’Algeria, dall’Iraq, dal Sudan, dal Bangladesh, dal Marocco, dall’Iran e dalla Guinea.      

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play  

Jasmine Ceremigna

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.