Brasile: inseriti nella blacklist alti funzionari venezuelani

Pubblicato il 23 agosto 2019 alle 6:20 in Brasile Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le autorità brasiliane hanno vietato ad alcuni alti funzionari del Venezuela di entrare nel Paese. È quanto emerge da un decreto pubblicato sulla gazzetta ufficiale.

“Questo decreto determina la norma che vieta l’ingresso nel nostro Paese agli alti funzionari del regime venezuelano, che con le loro azioni contraddicono i principi e gli obiettivi della Costituzione brasiliana, violando la democrazia, la dignità e i diritti umani“, si legge nel testo del decreto.

La misura è entrata in vigore lo scorso martedì 20 agosto. Si osserva inoltre che il ministero degli Esteri preparerà un elenco con i nomi delle persone che non potranno entrare nel Paese, che successivamente verrà inviato al ministero della Giustizia e della Pubblica Sicurezza. Si tratta di una lista aperta, che potrà essere aggiornata a discrezione del ministro degli Esteri.

La crisi nel Paese caraibico va avanti da gennaio, quando Juan Guaidó è stato eletto presidente dell’Assemblea Nazionale, controllata dall’opposizione. Il 23 gennaio, l’opposizione venezuelana ha tentato un colpo di stato e Guaidó si è autoproclamato presidente ad interim del Paese. Altri tentativi di golpe si sono susseguiti, ma senza successo. Questa azione è stata appoggiata da un totale di 54 paesi, in primis dagli Stati Uniti. Maduro, che rimane il legittimo presidente del Paese, è sostenuto invece da diversi paesi tra cui spiccano Russia, Cuba, Messico, Cina, Turchia, Bielorussia, Indonesia, Bolivia, Iran, Siria e Nicaragua.


Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da 
Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di portoghese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.