Danimarca: seconda esplosione a Copenaghen in 4 giorni

Pubblicato il 10 agosto 2019 alle 10:22 in Danimarca Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un’esplosione ha danneggiato una stazione di polizia nella capitale danese, sabato 10 agosto; si tratta del secondo attacco sferrato a Copenaghen tramite ordigno esplosivo negli ultimi 4 giorni.

La polizia ha reso noto, tramite il canale ufficiale Twitter, che la detonazione non ha causato né morti né feriti. L’esplosione è avvenuta all’esterno della stazione di polizia di Norrebro, appena al di fuori del centro della capitale scandinava.

Già martedì 6 agosto, una prima esplosione, avvenuta fuori dall’ufficio danese preposto ad agenzia fiscale, aveva ferito lievemente una persona. In tale occasione, le forze di polizia avevano concluso che si era trattato di un “attacco deliberato”.

Nella giornata di sabato, un portavoce delle forze di sicurezza, Ekstra Bladet, ha riferito all’agenzia di stampa Reuters che è ancora presto per stabilire con precisione se i due attacchi siano connessi tra loro, ma un’indagine è in corso. In particolare, la polizia sta cercando un uomo che è stato avvistato mentre si allontanava correndo dalla scena dell’esplosione.

Seri attacchi o episodi di violenza sono rari nel Paese scandinavo, il quale conta 5,7 milioni di abitanti noti a livello internazionale per la loro tolleranza sociale e per gli alti livelli di sicurezza urbana.

La Danimarca è particolarmente impegnata nella lotta al terrorismo e nel contrasto interno ed esterno all’estremismo violento. Le autorità di Copenaghen collaborano a stretto contatto con gli Stati Uniti, le Nazioni Unite e l’Unione Europea in tali ambiti. Secondo il servizio di intelligence danese (PET), molti dei 135 i foreign fighters partiti dalla Danimarca per la Siria e l’Iraq dall’estate 2012 si sono uniti all’ISIS, mentre circa una metà sono rientrati in patria. Questi ultimi, ad avviso del PET, oltre ad essere stati addestrati, divenendo quindi capaci di compiere attacchi, potrebbero favorire la radicalizzazione di altri individui. Per scongiurare un simile pericolo, le agenzie di sicurezza danesi collaborano per contrastare qualsiasi attività di reclutamento da parte dello Stato Islamico.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.