La guerra dell’acqua in Kashmir e le tensioni India-Pakistan

Pubblicato il 8 agosto 2019 alle 11:50 in Il commento India

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

India e Pakistan, due potenze nucleari, hanno una disputa decennale che riguarda la regione del Kashmir, una cui parte è sotto l’autorità dell’India, ma gode di parziale autonomia. Il Pakistan appoggia i gruppi che attaccano i soldati indiani in Kashmir, con la speranza che ottengano l’indipendenza. L’obiettivo strategico del Pakistan è di strappare un territorio all’India, contro cui ha già combattuto quattro guerre nel 1947, 1965, 1971 e 1999. Il Pakistan opera affinché l’India perda il Kashmir per due ragioni principali. La prima è che, nel 1971, l’India ha combattuto contro il Pakistan per strappargli un’intera regione, che oggi conosciamo come Bangladesh. La seconda è che il Kashmir ha un’importanza geostrategica vitale per via dell’acqua che nasce dai ghiacciai dell’Himalaya. Le acque glaciali, che scorrono attraverso il Kashmir, forniscono acqua ed elettricità a un miliardo di persone in India. Il Pakistan, invece, ha bisogno di quelle acque soprattutto per il settore agricolo. L’India, con una popolazione in crescita e un bisogno sempre maggiore di  elettricità, intende accrescere gli impianti idroelettrici in Kashmir, mentre il Pakistan teme che l’India possa deviare il corso delle acque per strozzare la sua agricoltura. Nel 1960, India e Pakistan hanno firmato un accordo per il controllo dei fiumi del Kashmir. Alcuni sono stati attribuiti al Pakistan e altri all’India. Tutti i fiumi però passano attraverso l’India, che ha pertanto una posizione  di vantaggio. L’India è anche uno dei Paesi che, in competizione con la Cina, ambisce a trasformarsi in una grande potenza mondiale. Le sue potenzialità di crescita, anche grazie all’enorme popolazione, sono molto più grandi di quelle del Pakistan. Toglierle il controllo dell’acqua significherebbe influenzare il futuro politico dell’area. Ecco perché Trump si è offerto come mediatore al premier del Pakistan, al quale ha chiesto in cambio di fare da mediatore con i talebani in Afghanistan, dove vorrebbe ritirare le truppe americane. Oltre a proteggere il proprio futuro economico, l’India deve fronteggiare un grave problema legato alla sicurezza interna.  

Uno degli attentati più devastanti della storia del terrorismo è avvenuto proprio in territorio indiano. Lashkar-e-Taiba, una formazione islamista che aveva alcuni campi di addestramento nella parte del Kashmir controllata dal Pakistan, attaccò le strade di Mumbai per quattro giorni, dal 26 al 29 novembre 2008, causando 168 morti e oltre 300 feriti.

Mentre il terrorismo in Francia o negli Stati Uniti è un problema di politica interna combattuto con la polizia, nel caso dell’India il terrorismo investe la sfera delle relazioni internazionali ed è combattuto con l’esercito. Combattere contro i terroristi del Kashmir significa combattere indirettamente contro il Pakistan e, talvolta, direttamente. Il 14 febbraio 2019, un attentato suicida nel Kashmir indiano, rivendicato dalla formazione islamista Jaish-e-Mohammed, ha causato la morte di 44 indiani e, dopo una serie di reazioni a catena, Pakistan e India hanno preso a bombardarsi nei rispettivi territori. In questo contesto, giunge l’annuncio del ministro degli Interni dell’India, Amit Shah, di voler privare il Kashmir indiano della sua parziale autonomia. Il Kashmir, dove in questo momento vige il coprifuoco, è una delle zone più militarizzate del mondo. Il 5 agosto, alcune proteste popolari nella città di Srinagar sono state disperse dai soldati indiani con gas lacrimogeni e proiettili di gomma. I gruppi insorgenti stanno utilizzando ciò che gli studiosi di terrorismo chiamano “politica del ju jitsu”, dal nome dell’arte marziale giapponese che ambisce a utilizzare la forza dell’avversario contro l’avversario stesso. I miliziani islamisti del Kashmir spingono il governo indiano ad aumentare la repressione di massa in modo che le masse si radicalizzino contro quel governo in appoggio alle attività terroristiche.

Il primo ministro del Pakistan, Imran Khan, in un discorso al parlamento, ha accusato il premier dell’India, Narendra Modi, di voler avviare una “pulizia etnica” contro i musulmani in Kashmir. Il comando supremo dell’esercito pakistano ha comunicato che darà ogni supporto ai musulmani impegnati a lottare per l’indipendenza del Kashmir dall’India. È dunque certo che il Pakistan offra sostegno ai gruppi che combattono contro l’India. Ed è altrettanto certo che siamo all’inizio di una escalation.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Articolo apparso sul Messaggero per gentile concessione del direttore

di Alessandro Orsini

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.