Texas: sparatoria di massa in un centro commerciale, 20 morti

Pubblicato il 4 agosto 2019 alle 6:00 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un uomo armato con una mitragliatrice d’assalto ha ucciso 20 persone, ferendone almeno altrettante, presso un centro commerciale della catena Walmart di El Paso, in Texas, sabato 3 agosto, prima di venire arrestato dalla polizia.

L’attacco di sabato 3 giugno è avvenuto in un momento in cui, nel grande magazzino, molti acquirenti facevano scorta di prodotti per il rientro scolastico. Durante una conferenza stampa, il governatore del Texas, Greg Abbott, ha comunicato il bilancio delle vittime commentando che si è trattato di uno dei giorni “più letali” nella storia dello Stato. Il presidente messicano, Manuel Lopez Obrador, ha reso noto che tra i morti figurano 3 cittadini messicani, e altri 6 tra i feriti. L’aggressione si iscrive, per gravità, all’ottavo posto tra le sparatorie di massa della storia contemporanea americana, subito dopo l’attacco di San Ysidro del 1984, nel quale morirono 21 persone.

Il sospettato è stato identificato; si tratta di un 21enne caucasico originario di Allen, Texas, una città dell’area di Dallas situata circa 1046 km a est di El Paso. Poco si sa in merito al movente che avrebbe spinto l’uomo ad attaccare, in quanto il giovane è ancora in fase di interrogatorio, dopo essere stato arrestato dalle autorità, tuttavia si pensa si tratti di un crimine spinto da odio. A renderlo noto è il capo delle forze dell’ordine locali, Greg Allen.

Successivamente alla divulgazione dell’attacco, il presidente americano, Donald Trump, ha commentato che le notizie giunte da El Paso sono “molto brutte”, e che “in tanti sono stati uccisi”.

Il Centro Medico Universitario di El Paso ha ricevuto 13 pazienti, secondo il resoconto di un portavoce della struttura, Ryan Mielke, tra cui uno che ha perso la vita. Mielke ha spiegato che alcuni di loro sono stati sottoposti a interventi chirurgici e altri si trovano in condizioni stabili. Due tra i feriti ricoverati sono bambini.

Le sparatorie di massa sono un fenomeno comune negli Stati Uniti. Quest’ultimo evento si è verificato appena 6 giorni dopo che un adolescente americano, armato, aveva ucciso, domenica 28 luglio, 3 persone presso un festival gastronomico nella California settentrionale, prima di togliersi la vita.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.