Emigrazione venezuelana: l’Ecuador accetterà documenti scaduti da cinque anni

Pubblicato il 29 luglio 2019 alle 8:41 in Ecuador Immigrazione Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le autorità dell’Ecuador hanno deciso di accettare come validi documenti venezuelani scaduti da un massimo di cinque anni. Il decreto che stabilisce l’obbligo del visto per l’ingresso dei venezuelani in Ecuador, pubblicato dal governo, autorizza a regolarizzare la situazione di quelli già nel paese con documenti scaduti da un massimo di cinque anni.

Il decreto firmato il 25 luglio dal presidente Lenín Moreno ordina “di riconoscere la validità dei documenti d’identità e i visti dei cittadini venezuelani descritti nell’articolo I del presente decreto, fino a 5 anni dopo la data di scadenza, ai fini del processo di regolarizzazione stabilito nel presente documento”.

L’articolo I si riferisce ai venezuelani che erano entrati in Ecuador attraverso i punti di immigrazione stabiliti dal governo ma che si trovano attualmente in una situazione irregolare, con i visti scaduti o senza possibilità di rinnovo dei loro permessi di soggiorno.

Il decreto stabilisce che una “amnistia migratoria” e un visto di residenza temporanea saranno concessi per motivi umanitari a tutti i venezuelani che non hanno violato le leggi dell’Ecuador e che sono entrati attraverso i punti di controllo della migrazione nel territorio.

Il documento afferma che il visto sarà gratuito, l’unico costo sarà quello del bollo previsto per modulo di domanda. Le autorità di Quito, inoltre, hanno reso noto che il processo di regolarizzazione culminerà il 31 marzo 2020.

Nel caso dei venezuelani che vogliano entrare in Ecuador da ora in poi, dovranno elaborare un visto di soggiorno temporaneo per motivi umanitari, visto turistico consolare o qualsiasi altro visto previsto dalla Legge organica sulla mobilità umana della Repubblica dell’Ecuador.

L’Ecuador è il quarto paese del Sud America che ha ricevuto il maggior numero di venezuelani, dopo Colombia, Perù e Cile, secondo la piattaforma di coordinamento delle Nazioni Unite per rifugiati e migranti venezuelani. Il governo stima che entro la fine di quest’anno vivranno in Ecuador 500.000 cittadini venezuelani.

Nel primo trimestre del 2019, oltre 110.000 persone avevano ricevuto i visti e accettato un regolare stato di immigrazione, secondo quanto afferma lo stesso governo di Quito nel decreto.

Più di quattro milioni di venezuelani hanno lasciato il loro paese dal 2015 in fuga da una grave crisi, secondo le Nazioni Unite, e la stragrande maggioranza è andata nei paesi vicini. Perù, Cile ed Ecuador hanno deciso nelle ultime settimane di iniziare a richiedere visti per i migranti dal Venezuela.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.