La Russia potrebbe inviare altri esperti militari in Venezuela

Pubblicato il 24 luglio 2019 alle 6:10 in Russia Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Gli esperti militari russi hanno portato a termine i compiti a loro assegnati in Venezuela, ma se necessario la Russia potrebbe decidere di rimandarli indietro. A dichiararlo il vice ministro degli Esteri russo Sergej Ryabkov.

“La missione per la quale i nostri esperti e tecnici militari sono stati inviati a Caracas è stata portata a termine, ma qualora la situazione richiedesse ulteriori sforzi o miglioramenti, siamo pronti a mandare indietro i nostri esperti in qualsiasi momento”, ha dichiarato il diplomatico russo alla stampa a margine della riunione ministeriale dell’Ufficio di coordinamento del movimento dei paesi non allineati.

Lo scorso marzo, la Russia ha inviato alcuni suoi specialisti tecnici e militari a Caracas, in ottemperanza agli accordi siglati nel 2001 tra Vladimir Putin e il predecessore di Maduro, Hugo Chávez. Gli Stati Uniti hanno in più occasioni condannato la mossa di Mosca, accusandola di aver inviato contingenti militari a Caracas. Il ministero degli Esteri russo, da parte sua, ha smentito le accuse di Washington, ribadendo che “non ci sono truppe militari russe in Venezuela” e che l’invio di tecnici costituisce “ordinaria manutenzione” nel pieno rispetto degli accordi e in nessun caso costituisce un’escalation militare nel Paese caraibico.

La crisi nel Paese caraibico va avanti ormai dall’inizio dell’anno. A gennaio Juan Guaidó è stato eletto presidente dell’Assemblea Nazionale, controllata dall’opposizione. Il 23 gennaio, l’opposizione venezuelana ha tentato un colpo di stato e Guaidó si è autoproclamato presidente ad interim del Paese. Questa azione è stata appoggiata da un totale di 54 paesi, in primis dagli Stati Uniti. Maduro, che rimane il legittimo presidente del Paese, è sostenuto invece da diversi paesi tra cui spiccano Russia, Cuba, Messico, Cina, Turchia, Bielorussia, Indonesia, Bolivia, Iran, Siria e Nicaragua.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.