Seul accusa Mosca di aver violato il suo spazio aereo

Pubblicato il 23 luglio 2019 alle 12:35 in Corea del Sud Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il comitato unito dei comandanti dell’esercito sudcoreano ha accusato l’aeronautica russa di violazione dello spazio aereo del paese.

Secondo i militari sudcoreani, la cui versione dei fatti è riportata da Yonhap News, nella giornata di ieri, martedì 23 luglio, un aereo russo avrebbe violato per due volte lo spazio aereo del Paese asiatico sopra al Mar del Giappone.  

Il primo caso si sarebbe verificato alle 09.09 ora locale (01.09 ora italiana). I caccia sudcoreani F-15K e F-16K sono stati dispiegati per l’emergenza e, secondo la stampa sudcoreana, avrebbero lanciato dei razzi di segnalazione ed effettuato degli spari di avvertimento.

In seguito, alle 09.15, l’aereo russo si è allontanato dall’area, ma dopo 18 minuti sarebbe rientrato nello spazio aereo della Corea del Sud, dove è rimasto per altri 4 minuti. Il velivolo ha abbandonato definitivamente la zona di identificazione della difesa aerea sudcoreana alle 09.56.

Due ore prima della vicenda, nella stessa zona erano già entrati due aerei da guerra cinesi e due bombardieri russi. Il Ministero della Difesa della Corea del Sud ha intenzione di convocare rappresentanti delle Ambasciate di Russia e Cina per presentare una protesta ufficiale e cercare di chiarire l’accaduto.

Si tratta della prima volta la Russia viola lo spazio aereo della Corea del Sud, ma in altre occasioni avevano violato la zona di identificazione della difesa aerea del paese, come è accaduto lo scorso 20 giugno.

Non ha tardato ad arrivare la risposta di Mosca, che ha smentito tutte le accuse. Il ministero della Difesa russo ha infatti affermato in un comunicato ufficiale che i velivoli, due bombardieri strategici Tu-95ms, non hanno violato lo spazio aereo della Corea del Sud ma hanno agito nel rispetto del diritto internazionale.

“Il 23 luglio 2019 due bombardieri strategici Tu-95ms delle forze aerospaziali della Russia hanno eseguito un regolare volo nello spazio aereo sulle acque neutrali del Mar del Giappone”, ha dichiarato il dicastero diplomatico russo.

Secondo la versione di Mosca, vicino alle isole Takeshima, due caccia sudcoreani F-16 si sarebbero avvicinati pericolosamente agli aerei russi, incrociando la rotta dei Tu-95ms e minacciandone dunque la sicurezza. Il ministero della Difesa ha definito queste manovre “non professionali”.

“Non c’è stato alcun colpo di avvertimento da parte dei caccia sudcoreani. Se i piloti russi avessero visto una minaccia alla sicurezza, la risposta non si sarebbe fatta aspettare”, ha concluso il ministero.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.