Arrestato negli USA ex presidente peruviano Alejandro Toledo

Pubblicato il 17 luglio 2019 alle 7:55 in America Latina Perù

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ex presidente del Perù, Alejandro Toledo, latitante da due anni e mezzo, è stato arrestato in California

Toledo è stato arrestato martedì 16 luglio alle 8.30 del mattino (ora locale), in California. Su di lui pesa un ordine di estradizione sin dal febbraio 2017, emesso dalla procura del paese sudamericano. Toledo, latitante per la giustizia del suo paese, si era rifiutato di rispettare un ordine di detenzione preventiva di 18 mesi che i giudici peruviani gli avevano imposto. L’ex presidente è stato indagato per presunta partecipazione alla rete di tangenti della società di costruzioni brasiliana Odebrecht. Toledo ha negato qualsiasi partecipazione a questa trama per il cui coinvolgimento lo scorso 17 aprile si è suicidato un altro ex presidente peruviano, Alan García.

Le autorità statunitensi hanno interrogato l’ex presidente peruviano, “come parte del processo volto a raggiungere il suo ritorno nel paese”, ha spiegato il procuratore generale peruviano in un messaggio sul suo account Twitter. Inoltre, l’accusa ha riferito che questo venerdì 19 luglio, alle 10.30 ora locale, ci sarà un’udienza in California per determinare se l’ex capo di stato deve affrontare il processo di estradizione in libertà o in custodia cautelare.

Nel febbraio 2017, la magistratura peruviana ha emesso un mandato d’arresto nei confronti di Toledo, in risposta alle prove di ricevuta di milioni di dollari in tangenti da Odebrecht durante il suo mandato (2001-06), e nel maggio dello scorso anno il governo del Perù ha presentato una richiesta di estradizione agli Stati Uniti per reati di collusione, traffico di interessi e riciclaggio di denaro.

I procuratori della squadra speciale che lavora al filone peruviano dell’inchiesta brasiliana Lava Jato hanno firmato, alla fine di marzo, a Tel Aviv, un efficace accordo di collaborazione con il principale collaboratore di Toledo nella trama, l’uomo d’affari peruviano-israeliano Josef Maiman. Maiman, prestanome e amico di Toledo, ha detto che, su richiesta dell’ex presidente, ha ricevuto per oltre 21 milioni di dollari da imprese quali Odebrecht e Camargo Correa in cambio della concessione di opere di varie sezioni dell’Autostrada Interoceanica Sud.

Maiman ha offerto un’ulteriore dichiarazione ai pubblici ministeri alla fine di giugno, in cui ha indicato che l’importo ricevuto in tangenti da entrambe le società da trasferire al politico era di 35 milioni di dollari. 

A giugno, la procura generale del Perù ha accusato l’ex-presidente e sua moglie, Eliane Karp, di riciclaggio di denaro aggravato e ha chiesto a 16 anni e otto mesi di carcere per ciascuno. Tale accusa è stata aggiunta alla richiesta di estradizione richiesta nel 2018.  Il governo peruviano ha assunto collaboratori legali statunitensi nel febbraio di quest’anno per ottenere l’estradizione di Toledo.

Tranne Valentín Paniagua (2000-01) e Alberto Fujimori (1990-2000, ma in galera per i crimini contro l’umanità commessi durante il suo mandato), tutti gli ex presidenti del Perù sono indagati per crimini legati al caso Odebrecht. A maggio, la squadra speciale di Lava Jato ha richiesto 20 anni di prigione per Ollanta Humala e 26 anni per sua moglie, Nadine Heredia; Ad aprile, quando un procuratore e la polizia sono entrati nella casa di Alan García con un ordine di detenzione preventiva nel contesto delle indagini sul riciclaggio di denaro sporco, collusione e traffico di influenze, l’ex presidente si è suicidato. Infine, l’ex presidente Pedro Pablo Kuczynski, costretto a dimettersi a marzo del 2018, è agli arresti domiciliari.

In aggiunta, la leader dell’opposizione e due volte candidata presidenziale Keiko Fujimori è a sua volta in custodia cautelare da ottobre dello scorso anno, indagata per riciclaggio di fondi per la campagna elettorale ricevuti da Odebrecht. Per lo stesso reato la ex sindaco di Lima Susana Villarán è indagata  per associazione a delinquere, corruzione e riciclaggio di denaro.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.