Iran: risponderemo al sequestro della petroliera a Gibilterra

Pubblicato il 8 luglio 2019 alle 19:11 in Iran UK

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro della Difesa iraniano, Amir Hatami, ha promesso che risponderà al sequestro della petroliera al largo delle coste di Gibilterra, che “non sarà tollerato”.

“Questa mossa è contro le normative internazionali ed è una specie di pirateria marittima”, ha aggiunto il ministro, parlando a una cerimonia tenutasi nel presso del porto di Bandar Abbas, nel Sud dell’Iran. Il viceministro degli Esteri iraniano, Abbas Araghchi, ha aggiunto che la petroliera attraversava lo Stretto di Gibilterra perché la sua capacità molto elevata rendeva il peso dell’imbarcazione troppo elevato e, per questo, “non era possibile che attraversasse il Canale di Suez”. Le autorità iraniane hanno quindi accusato la Marina britannica di aver commesso “pirateria marittima”.

Venerdì 5 luglio, l’equipaggio della petroliera è stato interrogato dalle autorità inglesi per stabilire la natura del carico e la sua destinazione finale. I 28 membri dell’equipaggio, principalmente indiani con alcuni pachistani e ucraini, sono rimasti a bordo dell’imbarcazione durante le indagini. John Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha applaudito l’intercettazione della superpetroliera. “Ottime notizie: il Regno Unito ha bloccato la superpetroliera Grace 1 carica di greggio iraniano diretto verso la Siria in violazione delle sanzioni dell’UE”, ha scritto Bolton su Twitter, il 4 luglio. 

La petroliera Grace 1 è stata bloccata nella mattinata dello stesso giorno dalla polizia locale e dall’agenzia doganale di Gibilterra, sostenute da un distaccamento della Marina britannica. In una dichiarazione, il governo locale aveva dichiarato di avere ragionevoli motivi per credere che la nave stesse trasportando un carico di petrolio greggio verso la raffineria di Banyas, in Siria. “Quella raffineria è di proprietà di un’entità soggetta alle sanzioni dell’Unione Europea contro la Siria”, ha comunicato il primo ministro di Gibilterra, Fabian Picardo. Una mappatura del percorso dell’imbarcazione indicava che la nave era partita dall’Iran.

Se fosse confermato che il greggio trasportato è iraniano, il tentativo di consegna in Siria rappresenterebbe anche una violazione delle sanzioni statunitensi sulle esportazioni di petrolio iraniane. I dati di mappatura, riferiti dal quotidiano Al-Jazeera English, mostrano che la nave ha percorso un itinerario molto lungo, circumnavigando l’Africa, invece di attraversare il Canale di Suez, in Egitto. Le precedenti informazioni disponibili sull’imbarcazione Grace 1 risalivano a dicembre, quando la nave si trovava in Iraq. Questa è poi ricomparsa nei pressi del porto iraniano di Bandar Assaluyeh, a pieno carico.

Le sanzioni dell’UE contro la Siria sono state adottate il primo dicembre 2011 e sono soggette a revisioni annuali. Altri pacchetti di sanzioni includono un embargo sul petrolio siriano, restrizioni agli investimenti e un blocco delle attività delle banche centrali siriane all’interno dell’Unione Europea. Le conseguenze delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea sulla Siria rappresentano un ostacolo importante alla ricostruzione dello Stato mediorientale, poiché impediscono a terzi di investire nel Paese e contribuirne alla rinascita.

Da quando è iniziata la guerra civile, il 15 marzo 2011, la Siria è stata testimone di una vasta distruzione e della fuga di migliaia di lavoratori. Secondo le Nazioni Unite, il conflitto è costato al Paese circa 388 miliardi di dollari. Per quanto riguarda la ricostruzione, Russia, Iran e Cina, alleate del presidente siriano, Bashar al-Assad, hanno fatto alcuni investimenti nello Stato, ma non possono permettersi di affrontare l’intero costo della ricostruzione. Pertanto, tali governi vorrebbero che il peso di tali attività venisse condiviso. Tuttavia, i Paesi occidentali hanno dichiarato che non approveranno fondi per la Siria né allenteranno le sanzioni fino a quando non verrà trovato un accordo politico per risolverne la situazione.

Le sanzioni imposte dagli Stati Uniti sulla Siria sono precedenti al conflitto civile, ma sono state estese dopo il giro di vite da parte di Assad contro le proteste del 2011 e dopo lo scoppio della guerra nel Paese. Tali restrizioni hanno congelato i patrimoni dello Stato siriano, di centinaia di compagnie e di individui, comprese personalità del governo, dell’esercito, del personale di sicurezza e altri accusati di essere coinvolti nella manifattura o nell’utilizzo di armi chimiche. Inoltre, Washington ha imposto un divieto sull’esportazione, gli investimenti, la vendita o la fornitura di servizi in Siria da parte di qualsiasi individuo statunitense. È proibito altresì il commercio di idrocarburi e petrolio siriano o la loro importazione negli Stati Uniti.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Maria Grazia Rutigliano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.