Russia pronta a vendere caccia a Turchia se salta accordo per F-35

Pubblicato il 3 luglio 2019 alle 6:10 in Russia Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Ankara sta considerando la possibilità di acquistare aerei da guerra russi nel caso in cui Washington faccia saltare l’accordo sugli F-35.

“Se la Turchia verrà esclusa dal programma F-35, cercherà alternative, tra cui i caccia russi, mentre si occuperà di progettare i propri aerei da combattimento e missili balistici”, ha rivelato a Bloomerg una fonte turca.

Secondo la fonte, le autorità turche ritengono i sistemi missilistici contraerei S-400 Triumph superiori all’equivalente sistema americano Patriot e contano che gli S-400 possano difendere il Paese dalle minacce esterne.

D’altra parte Ankara teme che, anche nel caso in cui trovasse un accordo con Washington e decidesse di acquistare i Patriot, l’affare potrebbe saltare per via dell’opposizione al Congresso statunitense. Ma la Turchia non è disposta a lasciare il proprio spazio aereo senza difesa.

Inoltre, prevendendo che gli USA avrebbero imposto sanzioni per via dell’acquisto degli S-400 russi, ha fatto scorta di pezzi di ricambio per armi prodotte negli Stati Uniti, riporta il giornale.

In precedenza, la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti aveva approvato una risoluzione in cui condannava la decisione di Ankara di acquistare gli S-400 russi e dava un ultimatum alla Turchia per cancellare il suo contratto con Mosca. Washington sostiene che i sistemi russi siano incompatibili con gli standard della NATO e oltre a minacciare di imporre nuove sanzioni ha dichiarato di poter ritardare o addirittura cancellare il processo di vendita alla Turchia degli ultimi caccia F-35.

La Turchia ha più volte dichiarato che non avrebbe rinunciato ai piani per acquistare gli S-400 e che il primo lotto di unità sarebbe arrivato a luglio.

Chiara anche la posizione di Mosca, con il viceministro degli Esteri Aleksandr Gruško che ha ribadito che l’acquisto da parte di Ankara dei sistemi missilistici antiaerei S-400 soddisfa le norme e gli standard internazionali e ormai l’accordo è a un passo dall’essere concluso.

A margine del vertice del G20 in Giappone, i leader dei due paesi si sono incontrati per discutere nuovamente della questione.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.