Putin: non ci sono truppe russe in Venezuela

Pubblicato il 30 giugno 2019 alle 6:10 in Russia Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

“Non ci sono truppe russe in Venezuela”, ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin.

In un’intervista al Financial Times alla vigilia del vertice del G20, Putin ha sottolineato che la Russia “non ha nulla a che vedere con ciò che sta accadendo in Venezuela”.

“Ho già detto in numerose occasioni ai nostri amici americani che non ci sono nostre truppe in Venezuela”, ha affermato.

Il leader russo ha ammesso che in Venezuela sono stati inviati mesi fa alcuni specialisti russi ma sono incaricati esclusivamente della manutenzione tecnica dell’attrezzatura militare del Paese, aggiungendo che un gruppo di esperti ha già fatto ritorno in Russia circa una settimana fa.

Allo stesso tempo, non ha escluso che gli esperti russi possano tornare nel paese caraibico nel futuro immediato.

Putin ha sottolineato che la Russia accetta e rispetto l’autodeterminazione di qualsiasi paese, incluso il Venezuela, se rispetta la legislazione di tale paese e le norme del diritto internazionale. “La volontà del popolo deve venire prima di tutto”, ha affermato.

Il presidente russo ha poi ribadito che la crisi in Venezuela deve essere risolta con mezzi democratici e che la Russia farà tutto il possibile per far sì che ciò accada.

Da gennaio il paese caraibico sta affrontando una grave crisi politica ed economica. Lo scorso 5 gennaio Juan Guaidó è stato eletto presidente dell’Assemblea Nazionale, controllata dall’opposizione. Il 23 gennaio, l’opposizione venezuelana ha tentato un colpo di stato e il presidente del parlamento, Juan Guaidó, si è autoproclamato presidente ad interim del Paese. Questa azione è stata appoggiata dagli Stati Uniti e da oltre 50 paesi. Oltre che dalla Russia, che ha inviato negli ultimi mesi alcuni suoi esperti militari a Caracas, Maduro, che rimane attualmente il legittimo presidente costituzionalmente eletto del paese caraibico, è sostenuto da diversi paesi tra cui spiccano Cuba, partner storico di Caracas, Messico, Cina, Turchia, Bielorussia, Indonesia, Bolivia, Iran, Siria e Nicaragua.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.