L’Argentina cerca investitori: Dujovne a New York, Macri a Giakarta

Pubblicato il 25 giugno 2019 alle 12:04 in America Latina Argentina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro delle Finanze argentino Nicolás Dujovne, è volato a New York per incontrare alcuni potenziali investitori, prima di andare a Osaka, in Giappone, per assistere il presidente Mauricio Macri al vertice del G20, secondo quanto ha segnalato il ministero dell’Economia di Buenos Aires.

“Dujovne partecipa a questi incontri con gli investitori lunedì 24 e martedì 25 giugno” – riferisce il governo argentino. Dujovne si è recato a New York domenica notte “per monitorare il programma economico del governo e analizzare il panorama politico” dell’Argentina con quegli investitori, “con i quali di solito parla” – spiega il ministero che non ha specificato chi siano i referenti con cui parla il titolare del dicastero.

Il sottosegretario alle Finanze, Santiago Bausili, e il Vice Presidente della Banca Centrale, Gustavo Cañonero, accompagnarono Dujovne nel suo viaggio a New York

Il ministro lascerà gli Stati Uniti mercoledì 26 giugno per andare a Osaka, dove si unirà al presidente Mauricio Macri per prendere parre al vertice dei capi di Stato e di Governo e dei ministri dell’Economia del gruppo dei 20 paesi industrializzati ed emergenti (G20), che si terrà venerdì 28 e sabato 29 giugno.

Il leader argentino arriverà arriverà in Giappone giovedì 27 dall’Indonesia, per tenere un incontro bilaterale con il primo ministro nipponico Shinzo Abe. Il governo di Tokyo è stato uno dei principali sostenitori dell’apertura dell’Argentina ai mercati internazionali dei primi anni dell’amministrazione Macri.

Mauricio Macri, è volato a Giacarta per colloqui con il presidente indonesiano Joko Widodo, prima del vertice del Gruppo dei 20. “La prima tappa di Macri sarà nella città di Jakarta” – ha comunicato la Casa Rosada in una nota.

Il presidente argentino sarà ricevuto dalla sua controparte indonesiana nel palazzo presidenziale di Bogor alle 11:00 ora locale (5:00 ora italiana) di mercoledì 26 giugno.

Dopo essersi incontrati da soli nella Veranda Room, i due leader estenderanno l’incontro alle rispettive delegazioni, prima della partenza del presidente argentino per il Giappone. Giovedì 27 nel primo pomeriggio Macri incontrerà il primo ministro giapponese Shinzo Abe.

Il presidente argentino presiederà all’inaugurazione della settimana argentina, dove i prodotti del paese sudamericano saranno promossi e venduti nella catena di supermercati Ito Yokado, una delle più grandi del Giappone.

Già il 28 giugno, il primo ministro giapponese inaugurerà il summit del G20 presso l’International Convention Center. Nella prima sessione plenaria, i presidenti e i capi di governo parleranno di finanza, tasse, commercio, investimenti e anti-corruzione. In questa sessione, secondo quanto riferisce la Casa Rosada, Mauricio Macri interverrà per presentare la situazione argentina ai partner internazionali.

Il sostegno delle grandi economie del pianeta è essenziale per la ripresa dell’economia argentina colpita da una dura crisi a partire da aprile del 2018, una crisi che ha provocato un deprezzamento del peso e una spirale di inflazione, riportata sotto il 3% mensile solo nell’ultimo trimestre.

Il G20 è composto da Germania, Arabia Saudita, Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Corea del Sud, Stati Uniti d’America, Francia, India, Indonesia, Italia, Giappone, Messico, Regno Unito, Russia, Sud Africa, Turchia e l’Unione europea. Anche la Spagna partecipa alle riunioni come ospite permanente.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.