Italia-Cina: collaborazione delle forze di polizia per la sicurezza

Pubblicato il 25 giugno 2019 alle 19:36 in Cina Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministero dell’Interno di Roma, il 25 giugno, ha confermato la collaborazione tra le forze di Polizia italiane e quelle cinesi che porteranno avanti attività congiunte per favorire il turismo. 

Il flusso turistico dall’Italia alla Cina si fa più intenso e negli ultimi due anni è aumentato del 18%. Per assistere gli italiani che visitano le città orientali del Paese asiatico, in particolare Pechino, Shanghai, Chongqing e Guangzhou, e facilitare la comunicazione con la polizia locale, in caso di necessità, per il terzo anno consecutivo si conferma la collaborazione tra le forze di Polizia italiane e quelle cinesi in pattugliamenti congiunti. La collaborazione, che ha contribuito ad accrescere sicurezza e fiducia nei turisti, coinvolge operatori della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri. Il programma è stato presentato a Pechino con una cerimonia a cui hanno preso parte il vice capo della Polizia Vittorio Rizzi e l’ambasciatore italiano Ettore Sequi.

Tale collaborazione per la sicurezza arriva in un momento caratterizzato da ottimi rapporti tra Italia e Cina. Il 23 marzo 2019, i due Paesi hanno  siglato un memorandum di cooperazione per la costruzione congiunta del Belt and Road, la Nuova Via della Seta, durante la visita di stato del presidente Xi Jinping a Roma. Si è trattato di un momento storico importante per lo sviluppo dei rapporti bilaterali tra Pechino e Roma. La sottoscrizione del memorandum ha suscitato, inoltre, molti dibattiti sia a livello interno in Italia che da parte degli alleati storici del Belpaese, USAed Unione Europea.

L’Italia è il primo dei grandi Paesi occidentali e il primo membro del G7 ad aderire all’iniziativa Belt and Road, lanciata dal presidente Xi Jinping nel 2013. Questa l’apertura del tabloid sulla politica estera del Quotidiano del Popolo, il giornale del Partito Comunista Cinese all’indomani della storica firma del memorandum di intesa sulla costruzione congiunta del Belt and Road tra Italia e Cina. La cerimonia di sigla si è svolta a Villa Madama, l’accordo è stato firmato dal vice premier e ministro allo sviluppo economico italiano Luigi di Maio e dal direttore della Commissione Centrale per lo Sviluppo e le Riforme cinese, He Lifeng, di fronte al presidente Xi Jinping e al presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte.

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale da Apple Store o Google Play

Maria Grazia Rutigliano

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.