Nigeria: task force congiunta neutralizza 42 militanti dell’ISIS

Pubblicato il 24 giugno 2019 alle 6:00 in Africa Nigeria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le truppe congiunte dell’Africa occidentale hanno ucciso 42 presunti militanti dello Stato Islamico in una battaglia nella regione del Lago Ciad, venerdì 21 giugno, infliggendo al gruppo il più alto numero di vittime negli ultimi 6 mesi.

A renderlo noto, con un comunicato, è stata la task force militare regionale congiunta, la Multinational Joint Task Force (MNJTF), creata nell’aprile 2015 e annoverante truppe da tutti i Paesi che confinano con il lago. Nello scontro, anche un soldato della MNJTF è rimasto ucciso, e altri 10 feriti.

 Riferendosi al medesimo combattimento, lo Stato Islamico ha reso noto, attraverso la sua agenzia di stampa, Amaq, che i suoi uomini hanno ucciso 15 soldati presso Garno, villaggio situato nello Stato nigeriano nord-orientale del Borno, nei dintorni del Lago Ciad. L’Isis sostiene che un attentatore suicida si sia fatto esplodere nella battaglia, ma non ha riportato il bilancio delle vittime dal proprio fronte. La task force militare, in un comunicato rilasciato sabato 22 giugno, ha dichiarato che, durante le operazioni e gli scontri intorno al lago e su un’isola chiamata Doron Naira, sono stati neutralizzati 42 terroristi. Nel dispaccio si legge che si tratta del maggior numero di islamisti dello Stato Islamico uccisi nel corso degli ultimi 6 mesi.

Lo Stato islamico nella provincia dell’Africa occidentale (ISWAP) si è costituito nel 2016, quando una fazione del gruppo islamista nigeriano Boko Haram ha giurato fedeltà all’Isis. Il gruppo è operativo in tutti i Paesi che confinano con il lago Ciad, ossia Nigeria, Niger, Ciad e Camerun, e anche sulle isole presenti nel lago. Le violenze attuate dall’ISWAP, iniziate nella Nigeria nord-orientale e poi diffusesi agli altri Paesi vicini, dal 2009 a oggi hanno causato la morte di oltre 30mila persone, e lo sfollamento di circa 2 milioni di abitanti. Nel corso del 2017, secondo le stime del Country Report on Terrorism del Dipartimento di Stato americano, Boko Haram e lo Stato islamico dell’Africa Occidentale (ISWA) hanno compiuto complessivamente 276 attacchi, provocando 1278 morti e 949 feriti. Con questi numeri, Boko Haram si posiziona al quinto posto nella lista delle organizzazioni terroristiche più letali al mondo dopo l’ISIS, i Talebani, al-Shabaab e il Partito Comunista indiano.

 

Scarica l’app gratuita di Sicurezza Internazionale per smartphone.

 

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.